San Giovanni Rotondo, scherni dialettali in videochat. Nunzia Canistro insorge e Fratelli d’Italia la difende con un cartellone

Il caso scoppiato in seguito ad un consigli comunale via “Zoom”

La consigliera comunale di San Giovanni Rotondo, Nunzia Canistro (Fratelli d’Italia) avrebbe dovuto tenere un’interrogazione consiliare urgente sul tema della fogna bianca, un appalto per cui c’è stato anche un parere Anac e le cui carte ambigue sono finite in procura.
L’amministrazione Crisetti sul punto sarebbe molto in difficoltà. Tanto che nel consiglio streaming il presidente del Consiglio Salvatore Ricciardi pensando di avere il microfono zoom chiuso si sarebbe lanciato in epiteti nei confronti della pasionaria Canistro, alla presenza del segretario e dei dipendenti in aula.

Nunzia Canistro a Bari
Nunzia Canistro

Tutto è ancora visionabile nella seduta YouTube. Non è stato rimosso nulla. E Ricciardi non si sarebbe scusato con la politica, prossima candidata alle regionali nella lista meloniana. Sui social la Canistro si è sfogata così: “Vergognoso, rispetto zero! Ascoltate come parla di me il presidente del consiglio comunale quando non sa di essere registrato”.

Intanto, da oggi i tabelloni luminosi della città di San Pio trasmetteranno un messaggio da parte del partito. “Il partito Fratelli d’Italia esprime solidarietà alla consigliera Nunzia Canistro. Condanniamo le parole usate dal presidente del consiglio comunale per averla minacciata e offesa durante il consiglio dei 18 maggio. Sono uomini questi?”





Change privacy settings