Tutolo VS M5S, le scintille continuano. Il sindaco: “Siete spariti”. Menga al veleno: “Rimani a casa e se possibile, taci”

Brucia la polemica del parlamentare europeo Mario Furore contro il sindaco Antonio Tutolo. Nella diretta delle 13 il sindaco si è difeso ed ha attaccato violentemente i portavoce pentastellati, nominandoli. Oltre a Furore, il senatore Marco Pellegrini, l’onorevole Lovecchio. “Non voglio fare l’appello”, ha detto. La bagarre nasce dalle lagnanze del primo cittadino che ha attaccato i parlamentari, accusati di immobilismo.

“Pur di restare là, non sapete cosa dire, ma prima o poi scadranno quegli anni, fatevi molti selfie davanti a quei bei lampadari, perché non li vedrete più, nessuno di voi è stato in grado di dare la possibilità alle nostre comunità di conoscere i fatti. Io mi vergognerei. Io ho chiesto scusa onorevoli, pur non essendo coinvolto, non mi sottraggo, voi dovreste chiedere scusa per essere spariti, per l’incoerenza mostrata in questi anni di Parlamento che vi siete fatti, voi dovreste chiedere scusa. Credevo fosse una delle tante fake news quella dei soldi alla Tunisia e il mezzo miliardo di euro per la cooperazione, e invece è tutto vero. Voi in questo momento qua dove non c’è un euro, vi siete permessi di dare soldi a queste nazioni e avete dato 400 milioni di euro per i buoni spesa ai Comuni e mezzo miliardo all’estero come aiuti.
Voi dovreste chiedere scusa per aver mandato medici e infermieri al fronte, dovreste chiedere scusa e ve ne dovreste vergognare. Nel merito vi sentite di dire qualcosa su come i Comuni devono affrontare questa storia?”

Posted by Antonio Tutolo on Monday, April 6, 2020

“Non lo dico per offendere – aggiunge – ma che voi siete diventati onorevoli non se n’è accorto nessuno, tranne i vostri direttori di banca. Non vi fa onore dirvi portavoce, avete cavalcato e ci stava tutto, ma nel merito non siete entrati. Fateci sapere il vostro pensiero, vi prego, perché ce ne sono migliaia di persone che girano pur essendo in contatto con dei potenziali contagiati, fateci sapere il vostro pensiero. Qualcuno è medico, noi siamo gente di strada, sono un geometra non praticante, circense, volgare. Ci potete dire il vostro pensiero? Vi sembra normale che i medici li mandate al fronte a mani nude? Non mi riferisco solo a voi, anche alle Regioni. A tutti, poi si accerteranno le responsabilità. Volete fare una cosa buona? Fatevi una passeggiata a Foggia, a San Severo, a Lucera, a Cerignola e nel Subappennino e vi renderete conto di quello che c’è da fare così vi rimboccate le maniche e ve le sporcate un pochino. Neanche vi siete resi conto che i Comuni hanno avuto 100 marce in più rispetto ai provvedimenti da prendere, ma forse eravate impegnati a dormire. Ho chiesto scusa, saranno i cittadini a dire se potranno bastare. Non ho preso un treno, che si è trovato a passare e mi ha portato per caso a Palazzo Mozzagrugno, io sono stato per strada per anni, ho buttato il sangue per anni. Non c’è stato un vento importante che mi ha portato qui, ma è stato il vento della gente, che a torto o a ragione mi ha voluto, e in nome di quella gente amministro quotidianamente. Col cuore, con tutti i miei limiti. È per quella gente che io ho fatto a voi quelle domande, a cui voi non avete dato risposta”.

Intanto su Facebook è giunta la replica della parlamentare foggiana dei 5stelle, Rosa Menga: “Caro Tutolo, le tue dirette sono diventati show di basso livello politico e culturale. Adesso occorre dimostrare impegno e serietà. Lavoro come parlamentare e medico e non riesco a mantenere la tua vena politica, sminuendo con battute volgari quanto sta accadendo. Assisto a cose che mi strappano tutt’altro che una risata. Le rimostranze non vanno rivolte a noi parlamentari ma al presidente Anci, Decaro e da lui dovresti farti rappresentare se non ti senti ascoltato. Ma scendere di casa per andare in Comune per una diretta Facebook, è una ragione di necessità? E cosa dici di tua moglie e tuo figlio a pranzo da tuo cognato per la festa di compleanno? Come sindaco dovresti preoccuparti di dar l’esempio ai tuoi cittadini. Dunque bada meno all’apparenza e più alla sostanza. Rimani a casa e se possibile, taci”.



In questo articolo:


Change privacy settings