“Graduatoria Oss così è nulla”, denunciate illegittimità ai Riuniti di Foggia. La replica: “Verifiche in corso”

L’azienda: “Le riserve di norma sono fatte valere per gli ex equo all’ultimo posto in graduatoria dei candidati vincitori”

Non cessano le polemiche sull’assegnazione dei punteggi per la graduatoria Oss (Operatori socio sanitari) pubblicata dal Policlinico di Foggia il 14 marzo scorso. Il concorsone per l’assunzione di 2445 persone in tutta la regione, ha già sollevato diversi mal di pancia, prima della replica dell’azienda che con il direttore generale, Vitangelo Dattoli, ha risposto in più occasioni.

“La graduatoria, oltre ad avere numerosi errori nell’attribuzione dei punteggi per titoli, ha un’altra grave illegittimità – viene spiegato da alcuni partecipanti -, non sono stati attribuiti i titoli di preferenza previsti dal comma 4 art. 5 del DPR 487/1994 per tutti i concorsi pubblici. Infatti tale norma prevede che a parità di merito e di titoli, hanno preferenza nell’assunzioni coloro che hanno titoli previsti dalla legge suddetta (ad esempio: mutilati e invalidi di guerra, civili , coniugati con figli a carico ecc.). Invece, nella graduatoria pubblicata, coloro che hanno lo stesso punteggio di merito e di titoli, sono stati messi in elenco alfabetico senza considerare minimamente le preferenze. Inutile sottolineare che quanto esposto sopra rende illegittima la graduatoria stessa”.

Immediata la replica dei Riuniti. “Le predette riserve di norma sono fatte valere per gli ex equo all’ultimo posto in graduatoria dei candidati vincitori. Tuttavia – concludono – a conclusione delle verifiche in corso è stata data assicurazione, da parte della società proprietaria della piattaforma informatica, che la graduatoria verrà interamente stilata, per i candidati a parità di merito e titoli, secondo le preferenze autocertificate”.

Ricevi gratuitamente le notizie sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come





Change privacy settings