“Fitto è il solo che può riorganizzare la macchina amministrativa pugliese”, Landella punta all’europarlamentare come anti Emiliano

“Forza Italia deve avere la forza di riorganizzarsi, questa volontà viene espressa a tutti i livelli, ma vedo che non c’è la volontà di recepire questa spinta”

I vertici nazionali e regionali di Fratelli d’Italia hanno avuto ieri un incontro a Roma, ma è ancora lontana la Direzione nazionale, che per la provincia di Foggia ha per componente Giandonato La Salandra, nella quale si ratificheranno le varie liste territoriali per le prossime regionali in Puglia.

Nei Fratelli d’Italia per una lista ad 8 candidati manca la terza donna, dopo Petroianni e la pasionaria Nunzia Canistro.  Tuttavia i meloniani sono anche disposti a pagare la penale prevista per quei cartelli elettorali che non rispettino la quota di genere, fissata al 30%.

“Fare politica per una donna è molto difficile, domani sarò in zona Alto Tavoliere per fare dello scouting, ma c’è troppa resistenza, ci sono tante militanti che hanno una credibilità. Abbiamo Antonella Zuppa, che è componente dell’assemblea nazionale, le donne meglio degli uomini entrano nella pancia delle persone. Dobbiamo un po’ vederla la lista, deve essere veramente forte”, osserva a l’Immediato La Salandra, co-coordinatore insieme a Franco Di Giuseppe del partito.

Forza Italia e Fratelli d’Italia stanno spingendo per la chiusura del tavolo e per l’indicazione di Raffaele Fitto, ma Matteo Salvini sta prendendo tempo. Su Repubblica Bari si ripetono un po’ le news che su queste nostre colonne web erano stato già messe in fila. La Lega non ha trovato un suo nome della società civile e restano quindi in campo gli esponenti politici: Roberto Marti, Nuccio Altieri, Rossano Sasso e Massimo Casanova, con quest’ultimo sicuramente in pole. Il patron del Papeete beach ha anche un nuovo fiammante sito internet col quale mappare e indicizzare tutti coloro che gli scrivono per conoscere informazioni sui fondi europei. Uno dei tanti modi del metodo della Bestia di Luca Morisi per ampliare il data base salviniano.

Il sindaco di Foggia Franco Landella intanto difende l’opzione Fitto, come aveva già fatto mesi fa nella festa di San Menaio. Con Fitto candidato Michaela Di Donna potrebbe trovare agilmente spazio in una sua civica. Con un leghista invece Forza Italia sparirebbe.

“Con i numeri alla mano Fitto è il politico pugliese che è stato il più suffragato alle ultime competizioni elettorali, le Europee, tra i vari soggetti che si sono candidati. È un primo punto- spiega alla nostra testata web- L’altro punto è che Raffaele Fitto è una persona che ha le capacità e le competenze per intervenire immediatamente sulla macchina organizzativa distrutta in questi 15 anni di malgoverno del centrosinistra. Fitto già conosce e ha una esperienza maturata e può intervenire tempestivamente. Rispetto le posizioni legittime degli altri partiti, ma faccio appello al senso di responsabilità perché più ritardiamo e più non diamo segnali di coesione e compattezza, più diamo un vantaggio a Michele Emiliano. E poi non ci possiamo lamentare delle nostre divisioni, se perdiamo le regionali. Qui di mezzo non ci sono i nomi, ma dobbiamo avere responsabilità ecco perché faccio appello ai coordinatori regionali e nazionali di decidere in tempi brevi e di dare una figura autorevole alla Puglia da contraltare alle politiche disastrose di Emiliano”.

Forza Italia è ancora viva o meglio migrare? “Forza Italia deve avere la forza di riorganizzarsi, questa volontà viene espressa a tutti i livelli, ma vedo che non c’è la volontà di recepire questa spinta. Nonostante le capacità di Silvio Berlusconi, ma noi dovremmo guardare oltre Berlusconi. Un partito non può essere legato solo alla sua figura, la spinta dal basso è di non disperdere il patrimonio di Forza Italia. È necessario un congresso democratico e partecipato per individuare le persone che possono portare avanti l’eredità di Silvio Berlusconi. Chi non contempla queste ipotesi non fa il bene di Silvio Berlusconi né del partito”





Change privacy settings