Coronavirus, bloccati accessi a Casa Sollievo della Sofferenza. I parenti dei pazienti restano fuori dall’ospedale

Nel nosocomio giungono persone da tutta Italia ma anche da numerosi altri paesi del mondo. Analoghi provvedimenti potrebbero essere presi nelle prossime ore per i luoghi di culto

Misure precauzionali per il coronavirus a Casa Sollievo della Sofferenza. Da questa mattina l’ospedale di San Pio a San Giovanni Rotondo ha deciso di chiudere tutti gli accessi dei parenti dei pazienti. In alcuni casi sono stati gli stessi ammalati a comunicare ai familiari l’impossibilità di entrare nel nosocomio per una visita.

Nell’ospedale, come è noto, giungono persone da tutta Italia ma anche da numerosi altri paesi del mondo. Analoghi provvedimenti potrebbero essere presi nelle prossime ore per i luoghi di culto.

Questa la nota ufficiale di Casa Sollievo: “Alla luce della particolare situazione nazionale riguardante l’attuale infezione del Coronavirus COVID-19, ed in considerazione anche dell’afflusso delle particolari ‘utenze’ che accedono all’ospedale Casa Sollievo della Sofferenza, si comunica che, a scopo puramente preventivo, a far data da oggi e fino a nuove indicazioni, sono sospese le visite guidate in ospedale dei gruppi di pellegrini o di altre tipologie di visitatori.

In ordine alle visite ai degenti, gli operatori di portineria consentiranno l’ingresso ai soli soggetti titolari di permesso rilasciato dalle rispettive unità operative ed in numero di un visitatore per permesso.

Si è certi che i pellegrini, i visitatori nonché i degenti e i propri familiari, pur in assenza allo stato attuale di particolari criticità, comprenderanno l’azione di tutela intrapresa“.





Change privacy settings