“Carnevale per tutti”: Manfredonia si riempie d’allegria. Tanti sorrisi per i meno fortunati  

Anziani, diversabili, associazioni e case famiglia, tutte riunite grazie all’appello dell’associazione Paser, hanno potuto assaporare la magia della festa

Aria di festa a Manfredonia. Con l’ultimo giovedì grasso si è entrati davvero nel vivo della 67^ edizione del Carnevale. In città c’è clima di gran fermento in attesa della prima Sfilata delle Meraviglie e dei Gruppi mascherati di domenica mattina. Così, mentre nei laboratori è corsa agli ultimi ritocchi ad abiti ed accessori ed i partecipanti ripassano le coreografie, in città comincia a diffondersi lo spirito goliardico e festaiolo di Ze Peppe che coinvolge tutti, nessuno escluso.

L’allegria e la spensieratezza carnascialesca sipontina ieri hanno fatto tappa alle Case di Riposo Stella Maris ed Anna Rizzi, concludendo un pomeriggio colorato e divertente presso il “Luc Peppino Impastato” con il party “Carnevale senza barriere”. Anziani, diversabili, associazioni e Case famiglia di Manfredonia, tutte riunite grazie all’appello dell’associazione Paser, hanno potuto assaporare la magia del Carnevale che annulla ogni ostacolo e diversità, accomunando tutti nel segno dell’allegria e dello stare tutt’insieme. Coordinati da Matteo Nuzziello hanno contribuito all’ottima riuscita di questa iniziative sociali: il duo Bluenote Project di Vincenzo e Maria D’Oria, il gruppo caratteristico della Ciambotta (Manfredonia Shitposting), la banda dell’Istituto Comprensivo “Perotto-Orsini ”, le Majorettes e mini majorettes della scuola di arti sceniche “My Dance ” di Rita Vaccarella e l’animazione di Party con Gheghè.



In questo articolo:


Change privacy settings