Taranto “vince” Sanremo ma il derby è del Foggia. El Ouazni decide l’attesa sfida dello Iacovone

I rossoneri conquistano altri tre punti in trasferta e raggiungono quota 48 in classifica. Domenica prossima allo Zaccheria arriva il Brindisi, si giocherà a porte chiuse

Mentre Taranto festeggia il suo concittadino Diodato, primo classificato a Sanremo, il Foggia si prende i tre punti allo Iacovone nel derby contro gli storici rivali. Tanto nervosismo in campo, ma al 12′ ci pensa Bruno El Ouazni a sbloccare il match. Ospiti in 10 nel finale, espulso Di Masi con un rosso diretto. I padroni di casa quasi mai pericolosi se non per un palo colpito nel finale da Oggiano. Rossoneri ora a 48 punti in classifica.

Cronaca. (3-5-2) Pochi cambi in campo: Fumagalli tra i pali; Carboni, Viscomi, Cadili in difesa; Kourfalidis, Campagna, Cittadino, Gentile, Di Masi in mezzo al campo; El Ouazni, Tortori in attacco. Tanta grinta e qualche nervosismo di troppo allo Iacovone. Il match si sblocca subito al 12’: errore della difesa di casa, El Ouazni ne approfitta involandosi verso l’area di rigore e con un bel tiro all’incrocio dei pali la infila dove Sposito non può arrivare: 0 a 1. Ammoniti Cadili e Matute. Al 27’ i rossoblù ci provano su punizione: Genchi calcia centrale ma Fumagalli para senza problemi tra le mani. Giallo per Viscomi per un fallo su Avantaggiato. Alla mezz’ora colpo di testa di Olcese, il numero 1 rossonero dice ancora no! Foggia scatenato: al 35’ Cittadino inventa, El Ouazni va di testa ma un difensore devia in corner. Ancora satanelli pericolosi con Tortori che sfiora il gol del raddoppio per pochi centimetri. Finisce la prima frazione di gioco, squadre negli spogliatoi sullo 0 a 1.

Ad inizio ripresa il rossonero Campagna spreca una grossissima chance: tutto solo si lancia in contropiede verso Sposito, calcia colpendo in pieno la sagoma del portiere tarantino che para a terra. È già tempo di cambi: esce proprio Campagna per Staiano. Al 61′ Olcese tenta la reazione dei suoi ma spara un diagonale alle stelle. Va a sedersi Cittadino, dentro Gemmi. Al 68′ Foggia in 10: rosso diretto a Di Masi per fallo di reazione su Ferrara. Carafa cambia subito: fuori la punta Tortori per il difensore Anelli. Giallo ad Oggiano per un gomito sul volto di Anelli. Pioggia di falli ed ammonizioni allo Iacovone tra le due formazioni pugliesi. Sei lunghi minuti di recupero con i cartellini a Ferrara e Kourfalidis e un clamoroso palo dei padroni di casa con Oggiano. Arriva il triplice fischio, vince il Foggia. La squadra di Corda conquista altri tre punti, domenica prossima allo Zaccheria arriva il Brindisi. Si giocherà a porte chiuse. 



In questo articolo:


Change privacy settings