Malviventi mandano in tilt rete idrica nel Foggiano, Aqp sistema impianto: “Lavoro complicato”

Positiva e definitiva soluzione, questa mattina, del problema causato dal fermo dell’impianto di sollevamento di Ordona, in provincia di Foggia – a causa di reiterati furti ad opera di ignoti – che nei giorni scorsi aveva determinato una riduzione del flusso idrico. Nell’ultima settimana di dicembre l’impianto era stato oggetto di attenzione da parte di malviventi, che ne avevano asportato abbondante materiale elettrico, impedendone la piena funzionalità.

Il lavoro ininterrotto dei tecnici di Acquedotto Pugliese, supportati dagli operatori della protezione civile, diretti dalla Sindaca di Ordona, Serafina Stella, ha consentito di individuare l’origine del guasto e di porvi rimedio, riportando la situazione alla normalità.

“Non è stato semplice individuare il punto esatto della rete, responsabile della riduzione del flusso”, ha spiegato Francesca Portincasa, responsabile di Reti Impianti e Customer Management di Acquedotto Pugliese. “Si è reso necessario distrettualizzare l’intera zona per individuare le abbondanti sacche d’aria che -ha continuato- impedivano alla condotta principale di erogare la normale quantità d’acqua”.

L’assenza di energia, a seguito dei ripetuti furti di materiale elettrico, aveva causato, infatti, il funzionamento irregolare dell’impianto di sollevamento, con la conseguente presenza di aria nelle condutture destinate ad alimentare la rete idrica locale. “Grazie al lavoro ininterrotto dei nostri tecnici, nonostante le numerose festività, questa mattina l’erogazione è tornata a livelli di completa normalità dopo le riduzioni di pressione, registrate nei giorni scorsi e segnalate dal Sindaco che non ha fatto mancare una attenta, determinata e puntuale collaborazione”, ha concluso Portincasa.





Change privacy settings