Puglia, arriva ministro De Micheli: “Priorità raddoppio Statale 16 e tangenziale di Foggia”

“A Bari il 17 ci saranno gli Stati generali dei trasporti pugliesi”. Lo ha annunciato questa mattina il presidente Michele Emiliano che ha incontrato questa mattina in Presidenza, con l’assessore Giovanni Giannini, il ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Paola De Micheli.

“Abbiamo verificato la questione tangenziale di Foggia – ha spiegato De Micheli – sino alle opere più a sud, come la statale 275. Il collegamento tra porto, aeroporto e stazione di Brindisi sarà l’esempio più importante di intermodalità di tutta Italia perché è questa la nostra strategia a livello nazionale. Ci siamo, continueremo ad esserci, tutto quello che possiamo accelerare e finanziare nei prossimi mesi verrà fatto”.

“Ringrazio il ministro – ha detto Emiliano – per questo importantissimo briefing che abbiamo fatto oggi. Il prossimo 17 dicembre ci saranno a Bari, presso il Consiglio regionale, gli Stati generali del Trasporto pugliese, con tutti i sindaci della regione. Mi auguro che il Ministro possa essere con noi: entreremo nel dettaglio di tutte le questioni che oggi, come in una riunione di lavoro, abbiamo passato in rassegna. Bari è una città al servizio del resto della Puglia. Il lavoro fatto in questa città è molto importante perché a breve consentiremo di utilizzare la città come hub fondamentale per volare, per arrivare e partire in nave, per arrivare in auto o in treno. Lo sforzo che la città fa per mettersi al servizio dell’intera regione è molto intenso, ma la modernizzazione che la città sta ricevendo in cambio è evidentissima. Integreremo la discussione con i sindaci di tutte le province pugliesi, quando il 17 li incontreremo e ci confronteremo sul fatto che la Puglia è un insieme che vede in Bari un punto di riferimento, ma Bari è al servizio della Puglia”.

Al ministro questa mattina è stata consegnata una panoramica del fabbisogno finanziario per gli investimenti di competenza della Sezione lavori pubblici della Regione, con le principali programmazioni in corso per i quali sono stati richiesti ulteriori finanziamenti: il collettamento delle acque meteoriche, l’edilizia scolastica, la manutenzione dei corsi d’acqua e la viabilità regionale. Sono stati descritti gli interventi aeroportuali e i fabbisogni ulteriori, gli investimenti ferroviari su infrastrutture, sicurezza, materiale rotabile. Inoltre è stata descritta la programmazione di interventi contro il dissesto idrogeologico, per la riduzione del rischio sismico con i relativi fabbisogni. Al ministro è stata offerta anche una puntale descrizione degli interventi per le infrastrutture del sistema idrico integrato, con la depurazione, le condotte sottomarine e il riuso delle acque reflue. È stato fatto anche il punto sulla mobilità sostenibile e il trasporto pubblico locale, oltre a un focus sulle necessità del Comune di Taranto. Successivamente all’incontro in Presidenza Emiliano e Giannini hanno raggiunto con il ministro il sindaco di Bari Antonio Decaro nella sede comunale.

“Abbiamo rappresentato al ministro – ha spiegato l’assessore ai Trasporti e infrastrutture, Giannini – lo stato dell’arte delle opere in corso di realizzazione, quelle già realizzate e abbiamo illustrato la peculiarità del sistema Puglia dal punto di vista trasportistico, che vede ben 5 gestori concessionari del servizio di trasporto su ferro, abbiamo rappresentato il fabbisogno e le esigenze del territorio della Puglia. Per esempio, abbiamo sottolineato l’importanza di chiudere la questione della 275, della Statale 16. Inoltre, la necessità di adeguare i progetti ferroviari alle nuove normative. Abbiamo rappresentato l’esigenza di integrare dal punto di vista finanziario la realizzazione di progetti datati adeguandoli agli standard di sicurezza rispetto alla normativa vigente e alle innovazioni tecnologiche intervenute. In più abbiamo chiesto finanziamenti per la manutenzione della viabilità e fondi maggiori per il dissesto idrogeologico e per l’edilizia scolastica”.





Change privacy settings