Sia va all’Amiu Trani, comincia l’iter per smaltire la monnezza di Cerignola

Incontro decisivo in Ager con il commissario Gianfranco Grandaliano per il futuro dell’azienda decotta di nettezza urbana del Basso Tavoliere Sia di Cerignola. Amiu Trani ha presentato la manifestazione di interesse più vantaggiosa

Incontro decisivo in Ager con il commissario Gianfranco Grandaliano per il futuro dell’azienda decotta di nettezza urbana del Basso Tavoliere Sia di Cerignola. Presenti anche alcuni sindaci in delegazione per il Consorzio dell’area di Bacino Fg-4. Circa 10 giorni fa si erano presentate le aziende Amiu Taranto, Amiu Trani, Barsa e Aseco, che avevano manifestato la loro disponibilità a subentrare.

Ebbene oggi, dopo aver studiato le carte, solo Amiu Trani ha continuato ad avanzare un interesse concreto. L’avvocato Grandaliano quindi ha deciso di affidare all’impresa tranese tutto il servizio di raccolta e di smaltimento della Sia, con annessa la gestione degli impianti. Si comincia domani l’iter e si perfezioneranno poi i contratti e l’assorbimento del personale con un contratto di servizio che si aggira attorno ai 14 milioni. Il commissario ha in animo di chiudere la “pratica” entro il primo gennaio 2020.





Change privacy settings