La poesia dalla scuola al carcere. A Foggia il moto travolgente de “La voce del mare”

Dopo il primo laboratorio con gli studenti, giovedì 21 novembre Daniela d’Elia e Maria Del Vecchio incontreranno i detenuti

Grande successo per il primo appuntamento di preparazione a “La voce del mare”, la rassegna di belle parole ideata da Daniela d’Elia – e organizzata da Comune di Foggia – Assessorato alla Cultura e Assessorato alla Pubblica Istruzione, Fondazione dei Monti Uniti di Foggia, Rotary Club Foggia, Biblioteca Magna Capitana, Casa d’Arte – Casa D’E, con il sostegno di Provveditorato agli Studi di Foggia, Confcommercio Foggia, L.I.P.S. (Lega Italiana Poetry Slam), Confcommercio Foggia e Federeventi – in programma dal 13 al 15 dicembre 2019 (e non dal 29 novembre al 1° dicembre, come precedentemente comunicato) nell’Auditorium Santa Chiara a Foggia.

Il laboratorio di poesia, svoltosi il 15 novembre scorso nell’aula magna dell’istituto tecnico “Notarangelo-Rosati” di Foggia, ha visto la partecipazione di ben 250 ragazzi, guidati nella mattinata poetica dalle poetesse Daniela d’Elia e Maria Del Vecchio. «Per me la poesia è rivoluzione, sovverte, aiuta a far venir fuori la voce vera di ognuno di noi, anche degli adolescenti», ha affermato Daniela d’Elia.

E il moto travolgente, preparatorio a “La voce del mare”, continua giovedì 21 novembre, giorno in cui Daniela d’Elia e Maria Del Vecchio torneranno in carcere per dare continuità al progetto “La via d’uscita: la Poesia” che nei mesi di maggio e giugno scorso ha coinvolto 15 detenuti della Casa Circondariale di Foggia e diversi poeti del territorio. L’iniziativa, ideata da Daniela d’Elia, è stata resa possibile grazie all’esperienza della giornalista Annalisa Graziano, operatrice del CSV Foggia; alla sensibilità di Anna Paola Giuliani, Assessore alla Cultura del Comune di Foggia e alla disponibilità della responsabile dell’Area Educativa del carcere di Foggia, Giovanna Valentini. «Noi siamo molto felici di dare continuità a questo progetto nato per regalare, attraverso i componimenti poetici, momenti di “evasione” e analisi introspettiva che possano favorire nei detenuti una valutazione critica del vissuto e del proprio operato», dichiara d’Elia. I componimenti dei detenuti saranno declamati durante la 2^ edizione de “La voce del mare”.

Linee guida di partecipazione a “La voce del mare”: i poeti che vorranno declamare un proprio componimento durante il Corteo Poetico del 13 dicembre devono inviare l’adesione a lavocedelmarefg@gmail.com con oggetto: “partecipazione al corteo poetico”; i poeti che vogliono partecipare alla Regata poetica in programma domenica 15 dicembre all’Auditorium Santa Chiara devono inviare la richiesta a lavocedelmarefg@gmail.com con oggetto: “partecipazione alla Regata poetica”. Saranno accolte le prime venti email (+10 in lista d’attesa).





Change privacy settings