Dava alle fiamme cassonetti al quartiere ferrovia di Foggia, fermata una persona

In considerazione dei ripetuti atti vandalici a danno dei cassonetti dei rifiuti in città, la Polizia Locale di Foggia ha posto in essere una capillare attività di controllo del territorio finalizzata alla prevenzione ed alla repressione di questo genere di atti vandalici. Successivamente al danneggiamento di quattro cassonetti dei rifiuti in via Podgora avvenuto in data 15 ottobre 2019, la capillare attività di indagine posta in essere dagli operatori con l’ausilio delle telecamere della videosorveglianza ha portato alla identificazione di un cittadino del Marocco di 45 anni. Al momento del controllo avvenuto tre giorni dopo l’incendio dei cassonetti, l’uomo tentava la fuga ma veniva subito fermato dagli operatori di Polizia Locale che riscontravano tra gli oggetti in possesso del 45enne anche 8 accendini. Nei confronti della persona su indicata si procedeva alle successive attività di rito.
Lo scorso 6 novembre, personale della Polizia Locale di Foggia in assetto S.A.D., a seguito di attività di indagine posta in essere dopo la segnalazione di un cittadino, identificava un italiano di 57 anni che in data 28 ottobre 2019, alla guida di un autocarro, danneggiava in modo grave una “campana” per la raccolta differenziata del vetro in via Don Luigi Sturzo a Foggia. L’uomo è stato sanzionato ai sensi dell’art 15 del Codice della Strada e segnalato all’ente proprietario del raccoglitore per il risarcimento del danno.
L’assessore alla Polizia Locale Cinzia Carella esprime la più viva soddisfazione per l’operato degli agenti evidenziando che tali significative attività vengono poste in essere in un contesto di crescente carenza di organico che risulta più che dimezzato rispetto ai parametri previsti dalla Legge Regionale per la città di Foggia quale capoluogo di provincia con ampia estensione territoriale ed elevato numero di abitanti.


In questo articolo: