Tentata estorsione ad assessore Bove del Comune di Foggia e auto distrutta, individuate tre persone

Acquisiti elementi di accusa nel corso delle perquisizioni. Sotto sequestro gli indumenti indossati dai malfattori in occasione del danneggiamento

Agenti della Digos della Questura di Foggia hanno dato esecuzione ad un decreto di perquisizione personale e domiciliare, emesso dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia, a carico di tre persone, tutte residenti nel capoluogo dauno.

Le persone perquisite sono ritenute responsabili dei reati di minaccia a pubblico ufficiale e di tentata estorsione ai danni di un amministratore del Comune di Foggia (la Questura non ha fornito nominativi in quanto il lavoro degli inquirenti è ancora in corso, ndr), a cui è stata danneggiata l’autovettura, verosimilmente per non aver ceduto alla richiesta operata dagli indagati di ottenere dalla vittima un ingiusto vantaggio.

Il comportamento dell’amministratore ha determinato la reazione degli indagati i quali, dopo averlo minacciato sono passati alle vie di fatto danneggiando il veicolo. La notte in cui gli indagati hanno operato, un equipaggio della Sezione Volanti è intervenuto prontamente sul posto ma i malviventi erano riusciti a sfuggire dopo un inseguimento.

Tuttavia ai poliziotti non sono sfuggiti alcuni particolari che sono stati fondamentali per l’individuazione del gesto criminoso. Immediatamente dopo è stata avviata ed effettuata una complessa attività investigativa ad opera della Digos che, sotto la direzione della locale Procura della Repubblica, ha raccolto diversi riscontri sulla scorta dei quali è stato emesso il decreto di perquisizione.

Ulteriori elementi di accusa sono stati acquisiti proprio nel corso delle perquisizioni con il sequestro degli indumenti indossati dai malfattori in occasione del danneggiamento. Tutto il materiale sequestrato è adesso al vaglio dell’autorità giudiziaria che provvederà ad esaminare le fonti di prova sinora acquisite per poi formulare l’accusa nei confronti degli indagati.