SIA al collasso: “Necessario un piano di salvataggio per tutelare posti di lavoro”

“Dopo la fallimentare gestione dell’amministrazione Metta, che ha portato SIA al collasso con una debitoria pari a 31,4 milioni e, dopo la bocciatura da parte del Tribunale di Foggia della richiesta di concordato preventivo presentata dalla società, è necessario un piano di salvataggio e di ricostruzione del servizio di gestione dei rifiuti solidi urbani”. Queste le parole del Partito Democratico di Cerignola sulla disastrosa situazione in cui versa la SIA.

“Nel quadro del Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti Urbani, sarà compito degli organi amministrativi approntare il piano industriale ed economico – finanziario per la gestione del servizio pubblico. Sarà certamente una scelta complicata, visto che, in seguito a delibera regionale, il Consorzio proprietario di SIA è stato commissariato a causa dell’inattività gestionale dell’allora Presidente Metta. È triste constatare – rimarca il PD di Cerignola- che Metta, in soli quattro anni, sia stato in grado di demolire un Consorzio preso a modello da tutta la Puglia!

“Noi del Partito Democratico abbiamo iniziato ad interloquire con tutti i livelli della realtà regionale e locale allo scopo di elaborare una proposta fattibile sia sul piano giuridico sia soprattutto dal punto di vista economico – finanziario. Per questo motivo, nel rispetto delle scelte e del lavoro che i Commissari andranno ad eseguire, riteniamo in primo luogo che sia necessario prendere decisioni rapide, al fine di evitare un ulteriore aggravio delle perdite causate dai costi di gestione ereditati da Metta; in secondo luogo, che occorra una gestione del servizio totalmente pubblica, in modo da conservare integro l’impianto dei rifiuti di proprietà del Consorzio proprietario di SIA e, nell’impossibilità di riuscirvi, in ogni caso prioritariamente preservare tutti i posti di lavoro presenti in SIA, al fine di evitare un nuovo impoverimento economico del territorio”.

“Auspichiamo che una nuova gestione del servizio, efficiente ed economicamente sostenibile, possa comportare benefici per tutti: Consorzio proprietario di SIA, cittadini e lavoratori. È ora di ricostruire ciò che Metta ha distrutto”, conclude il PD





Change privacy settings