Rifiuti, la Regione commissaria il Basso Tavoliere. Troppe diffide inascoltate a Sia

La situazione da mesi era abbastanza calda col sindaco della città mascagnana Franco Metta. Nonostante le numerose diffide in seno a Sia, dal Comune di Cerignola non è stato fatto nulla per il polo impiantistico, secondo quanto spiegano fonti regionali.

La nomina è appena arrivata e domattina il direttore Ager Puglia, l’avvocato Gianfranco Grandaliano sarà già al lavoro. Il legale, ex presidente di Amiu Puglia, alla guida dell’agenzia per i flussi di rifiuti in Regione, è stato nominato dalla Giunta regionale Commissario ad acta del Consorzio Igiene Ambientale Bacino Fg 4, il territorio dei Cinque Reali Siti e di Cerignola, per intenderci.

La situazione da mesi era abbastanza calda col sindaco della città mascaniana Franco Metta. Nonostante le numerose diffide in seno a Sia, dal Comune di Cerignola non è stato fatto nulla per il polo impiantistico, secondo quanto spiegano fonti regionali. Pertanto la Regione ha ritenuto opportuno commissariare. Non ci sarebbe alcuna particolare criticità ambientale. Gli amministratori erano stati diffidati per attivarsi per risolvere le questioni relative allo smaltimento della monnezza e rimettere a regime l’impianto di contrada Cafiero (Tmb, discarica), ma non hanno dato risposte. Quindi per la Regione non c’era tempo da perdere, c’erano tutti i motivi per commissariare. Grandaliano sarà presto a Cerignola per sincerarsi sul da farsi.





Change privacy settings