Foggia, i giovani della Lega si autosospendono. Interrotte tutte le attività

Il caos estivo in casa Lega, finito ripetutamente sotto i riflettori della stampa foggiana che ha più volte evidenziato le continue perplessità degli eletti di fronte ad una gestione della cosa pubblica pressoché partitica e poco meritocratica, ha indotto i “dirigenti” (soltanto di nome – di fatto nessuna carica è stata mai ufficializzata nonostante un anno denso di attività politico-culturali e di uscite in piazza) e i numerosi militanti del movimento giovanile di Matteo Salvini ad interrogarsi profondamente sull’amministrazione del proprio partito a livello cittadino e provinciale.

Inoltre il recente abbandono da parte della consigliera foggiana Liliana Iadarola (ora indipendente), avvenuto nell’ultimo consiglio comunale, è solo l’ultima tessera di un mosaico che si sta distruggendo miseramente sotto gli occhi di un pubblico inerme e sonnolente, ma soprattutto incapace di cogliere quei profondi segnali di malessere manifestatisi ampiamente nel corso degli ultimi mesi.
Il clima dissonante delle ultime settimane, quindi, ha spinto i dirigenti di Lega Giovani ad autosospendersi dal partito e ad interrompere le attività programmate, certi di un cambio di rotta dell’attuale dirigenza. All’appello hanno risposto anche i candidati di Lega Giovani della provincia di Foggia (Lucera, San Giovanni Rotondo etc.), presenti alle ultime elezioni comunali (il bottino elettorale di Lega Giovani sul territorio dauno ammonta complessivamente a circa 700 voti).



In questo articolo: