Istituita borsa di studio “Salvatore Tatarella sindaco di Cerignola”. È destinata ad alunni del quinto anno delle superiori

“Il premio sarà consegnato al vincitore dal sindaco in carica il giorno 5 dicembre di ogni anno, a partire da quello in corso”, annuncia il presidente della fondazione dedicata al politico cerignolano

Istituita la borsa di studio annuale “Salvatore Tatarella Sindaco di Cerignola”. Ad annunciare la notizia è stato il presidente Francesco Giubilei in una lettera indirizzata al primo cittadino Franco Metta.Gentilissimo sindaco, ho il piacere di comunicarle che il Consiglio di Amministrazione della Fondazione Giuseppe e Salvatore Tatarella ha istituito una borsa di studio annuale, intitolata a ‘Salvatore Tatarella Sindaco di Cerignola’ riservata agli studenti dell’ultimo anno di tutte le scuole medie superiori della città. Il premio sarà consegnato al vincitore dal sindaco in carica il giorno 5 dicembre di ogni anno, a partire da quello in corso.  

Una data significativa per i cittadini di Cerignola che il 5 dicembre 1993, per la prima volta, eleggevano direttamente il proprio sindaco, e per Salvatore che dopo ventitré anni, ininterrottamente, tra i banchi di una esigua ma combattiva forza di opposizione, riceveva l’onore di guidare la città e di realizzare il suo difficile ed ambizioso progetto : la rinascita di Cerignola – continua -. Con il fattivo contributo delle e donne e degli uomini della amministrazione comunale e della comunità cittadina che, con la sua attiva partecipazione ed il suo entusiasmo, ne fu  indiscussa protagonista.

Nell’occasione, a nome di tutti i componenti del Consiglio, la ringrazio vivamente per aver intitolato a Salvatore il nuovo Palazzetto dello Sport. Un’opera pubblica di grande utilità che favorirà certamente la crescita sana ed armoniosa dei giovani di oggi e di domani, con effetti positivi sul tessuto sociale della città. La sua iniziativa consegna, ufficialmente, Salvatore alla storia di Cerignola che ha servito per oltre mezzo secolo, sia nelle diverse istituzioni dove era stato eletto sia da privato cittadino, animato da autentica passione civile. Esprimo inoltre lo stesso sentimento per aver voluto dedicare a Pinuccio una nuova opera pubblica, in occasione del ventennale della sua scomparsa. Una ricorrenza celebrata in molte città del nostro Paese, con svariate iniziative tuttora in corso, per riflettere sulla attualita’ del suo pensiero politico e ricordare la sua semplicita’ e la grande umanità”.