Foggia, coraggio! Grassadonia carica: “A Verona per prenderci questa salvezza”

“La squadra scenderà in campo con la compattezza assoluta, ci vorrà grande cattiveria agonistica perché contro troveremo una squadra che come noi vuole raggiungere un traguardo”, le parole del tecnico rossonero

Ultimi 90 minuti del campionato di Serie B: alle 15, su tutti i campi, si decreteranno i verdetti di questa stagione così travagliata e anomala col format a 19 squadre. Il Foggia, dopo due successi di fila, è pronto a far visita al Verona, formazione contro la quale finora i rossoneri non hanno mai vinto. 6 punti racimolati contro Salernitana e Perugia hanno spinto la squadra di Gianluca Grassadonia al quartultimo posto in classifica, in piena zona playout. Motivazioni e voglia di salvare un’intera città che vive di calcio, le componenti vincenti delle ultime settimane di Agnelli e compagni. “La squadra nelle ultime due gare ha speso tante energie a livello mentale, abbiamo cercato di recuperarle in questi giorni con allenamenti brevi, concentrandoci più sui concetti per entrare da subito nell’intensità della gara” – ha spiegato questa mattina l’allenatore dei rossoneri prima della partenza verso il Veneto -.

In campo traguardi diversi e tanta aggressività. “Mi aspetto una partita ricca di tensione, ci potrà essere anche una sorta di paura sportiva. La squadra scenderà in campo con la compattezza assoluta, ci vorrà grande coraggio, grande cattiveria agonistica perché contro troveremo una squadra che, come noi, vuole raggiungere un traguardo – ha aggiunto Grassadonia -. Le ultime gare, tutte con il dilemma dentro o fuori, ci hanno caricato, ma ci hanno fatto spendere anche tante energie a livello mentale. Sarà una finale, sabato si azzera tutto e si scende in campo per vincere, siamo pronti“.

Coraggio. “La mia squadra, ad oggi, a livello morale cammina da sola. Penseremo a fare la nostra partita, senza guardare i risultati degli altri campi. Abbiamo il coltello dalla parte del manico: pensiamo a vincere e a prenderci questa salvezza perché lo meritiamo tutti. I patron? Sono sempre presenti, parlano con i giocatori, cenano con noi prima delle gare, sono una costante. Hanno fatto e stanno facendo grandi sacrifici, meritano questo traguardo”. Immancabile il supporto dei tifosi: 1600 nel settore ospiti, ma al Bentegodi si sfioreranno le 2mila presenze rossonere. “Sono sempre stati al nostro fianco, in ogni momento. Non dobbiamo deludere principalmente loro”.

L’avversario: il Verona. “Squadra agguerrita, si giocheranno l’ultima possibilità per i play-off e metteranno in campo tutto quello che hanno dal punto di vista nervoso e fisico. Vorranno fare la partita – ha dichiarato Grassadonia -. La Serie B regala sempre sorprese”. Convocati. “Zambelli non ci sarà, Chiaretti è a letto con l’influenza, se dovesse star meglio ci raggiungerà domani. Qualcun altro è ancora affaticato, lo valuteremo nell’allenamento di domani” – ha chiarito il tecnico -.





Change privacy settings