Volontariato e cineterapia per malati oncologici, ecco la nuova sede di “ABC the New Care” a Torremaggiore. È intitolata a Vilma Lariccia

All’inaugurazione visita a sorpresa di Francesco Schittulli. Grande partecipazione della cittadinanza, presenti anche i candidati sindaco e il vicepresidente del Consiglio regionale, Giandiego Gatta. Elvira Pettolino: “Grande la sensibilità mostrata da tutti per le tematiche che noi volontari affrontiamo ogni giorno”

Grande successo per l’inaugurazione della nuova sede dell’associazione ABC the New Care a Torremaggiore, in Corso G. Matteotti, 51. 

“Non poteva andare meglio, siamo molto soddisfatti – il commento della Presidente, Elvira Pettolino – Torremaggiore ha risposto benissimo, mostrando grande sensibilità per le tematiche che noi volontari affrontiamo ogni giorno”. 

Particolarmente commovente è stato il momento della scopertura della targa in ricordo di Vilma Lariccia, “una nostra socia molto cara, che ha combattuto con tutte le sue forze contro il cancro e che, purtroppo, ci ha lasciati nel settembre 2017. A lei dedichiamo questa sede, che inauguriamo dopo sei anni di opera sul campo e, anche in sua memoria, continueremo ad operare con sempre maggiore impegno”. 

Dopo i saluti della Presidente, sono intervenuti alla cerimonia di inaugurazione il dr. Gaetano Fuiano, la senatrice Gisella Naturale e il nutrizionista Luigi Fiore.

“Nonostante gli impegni elettorali, hanno voluto essere presenti anche i candidati sindaco Leonardo De Vita, Emilio Di Pumpo, Lorena Saragnese e Marco Faienza, che ringraziamo. Il finale, a sorpresa, ha visto la visita di Francesco Schittulli, Presidente nazionale della Lega Italiana per la Lotta ai Tumori e del vicepresidente del Consiglio regionale, Giandiego Gatta. Entrambi si sono complimentati per la sala di cineterapia per malati oncologici”.

La sala, attrezzata grazie ai fondi raccolti con lo spettacolo della “Corrida”, con la visione di film creerà sotto il profilo psicologico un “effetto pausa” per i malati, aiutando a ridurre la percezione del dolore e creando uno stato di benessere riscontrabile a livello neurologico. “È soprattutto nel campo delle emozioni che la cineterapia aiuta, con la manifestazione ed analisi di quelle viste sul grande schermo si riesce ad esorcizzare le proprie, anche quelle che riguardano la sfera della sofferenza”. 

La serata è stata allietata dalla band “I fuori corso”.