Armi, esplosivi e droga: retata in una masseria del Gargano, un arresto. “Far West”, beccato Fini per evasione

Doppia operazione di Arma dei Carabinieri e Cacciatori di Puglia sul promontorio: nel mirino l’area di Cagnano Varano. Manette ai polsi per il 38enne Michele Di Cataldo

Proseguono senza sosta le attività dei carabinieri nel territorio di Cagnano Varano. I militari della Compagnia di Vico del Gargano, con l’ausilio dei colleghi dello Squadrone Eliportato Cacciatori Puglia, hanno eseguito due arresti in flagranza di reato in due distinte operazioni. Nella mattinata di ieri, nel corso di una serie di perquisizioni e rastrellamenti in aree impervie ed isolate, i militari dell’Arma hanno arrestato il 38enne Michele Di Cataldo per detenzione illegale di esplosivi e munizionamento e detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

I carabinieri, nel corso di una perquisizione presso la masseria di Di Cataldo, in contrada “Coppa Sant’Agata” di Cagnano Varano, hanno rinvenuto e sequestrato un ordigno artigianale di micidiale potenza contenente 120 grammi circa di esplosivo, un caricatore per pistola calibro 7,65, 3 cartucce per arma militare calibro 7,62, 3 cartucce per pistola calibro 9, una cartuccia militare per arma da guerra calibro 12,7, 5 cartucce per fucile calibro 8 e 4 cartucce per fucile calibro 12, oltre ad una canna per fucile tagliata, completa di strozzatore artigianale. Tutto il materiale era stato abilmente nascosto in un manufatto di cemento adibito a deposito di mangimi per animali. Le operazioni di perquisizione, estese poi alla casa dell’uomo, hanno permesso poi di recuperare e sequestrare 20 grammi circa di marijuana, circa 8 di hashish e 2 bilancini di precisione. Di Cataldo, dopo le operazioni di rito, è stato condotto presso la Casa Circondariale di Foggia, a disposizione della competente Autorità Giudiziaria. 

Questa operazione non è l’unica effettuata a Cagnano Varano dai carabinieri negli ultimi giorni. Sabato scorso, infatti, i militari della Compagnia di Vico hanno tratto in arresto per evasione il 27enne Patrizio Fini. L’uomo, agli arresti domiciliari in seguito all’esecuzione dell’operazione “Far West” dello scorso 8 febbraio, è stato sorpreso fuori dalla sua abitazione senza giustificazione alcuna. Fini, prontamente bloccato ed arrestato dai militari, dopo la convalida dell’arresto è stato nuovamente sottoposto al regime degli arresti domiciliari.



In questo articolo: