Arriva il “superpoliziotto” che sgominò i traffici tra narcos e ‘ndrine calabresi. Raffaele Grassi nuovo prefetto di Foggia

Ferrarese, 59 anni, è stato nominato in sostituzione di Massimo Mariani, quest’ultimo trasferito alla Prefettura di Reggio Calabria

Sarà il ferrarese Raffaele Grassi, 59 anni, il nuovo prefetto di Foggia, nominato dal Governo per sostituire Massimo Mariani, quest’ultimo trasferito a Reggio Calabria. Lo scorso 20 marzo, a Palazzo Chigi, su proposta del ministro dell’Interno Matteo Salvini, il Consiglio del Ministri aveva nominato Grassi prefetto, destinandolo a svolgere le funzioni di Ispettore Generale di Amministrazione. Ma dopo poco più di un mese, ecco che è arrivata l’indicazione per Foggia.

Grassi è ritenuto “un super poliziotto”. Fino a marzo è stato questore di Reggio Calabria, ruolo che ha ricoperto per circa quattro anni. Ha passato buona parte della sua carriera allo Sco, il Servizio centrale operativo della Polizia – che ha anche diretto – e si è occupato di indagini molto scottanti: dalla mafia al calcio scommesse.

Si è occupato delle principali inchieste condotte contro le cosche della ‘ndrangheta. Tra queste, “Crimine – Infinito”, che ha colpito con oltre 300 arresti tra Calabria e Lombardia le principali consorterie, e “New Bridge”, che ha disarticolato un’organizzazione facente capo alle ‘ndrine della Ionica calabrese e che operava fra Italia, Stati Uniti, Canada, Centro e Sud America, in stretto contatto con famiglie mafiose americane e narcos sudamericani.

Il nuovo prefetto di Foggia è laureato in Giurisprudenza.

Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/immediatonet