Immigrato consegna un mazzo di rose ai carabinieri: “Sono per il vostro collega ucciso”

Nel giorno della festa della Liberazione del 25 aprile si è avvicinato a una pattuglia di carabinieri e ha donato un fascio di fiori. “Sono per il vostro collega ucciso”, ha detto. È successo a Parma. Il protagonista della vicenda, come raccontano le cronache locali, è un giovane immigrato originario della Nuova Guinea e residente da tempo in Italia.

Il suo gesto è stato un modo per ricordare Vincenzo Carlo Di Gennaro, il maggiore dei carabinieri ucciso il 13 aprile scorso in strada da un pregiudicato per ritorsione, a Cagnano Varano, in provincia di Foggia, mentre era in servizio con un collega.

Nel mazzo di fiori, un biglietto: “Ho saputo del vostro collega morto in servizio nei giorni scorsi a Foggia e volevo rendergli omaggio. Non possiedo molto ma con i soldi che ho ma mi sembrava giusto farlo”. Si tratta di “bel gesto” hanno sottolineato dal comando dei carabinieri di Parma dandone notizia. Un gesto simile era stato registrato a Vibo Valentia, in Calabria, quando un cittadino anonimo aveva lasciato una rosa rossa sull’auto dei carabinieri, scrivendo: “Onore a voi tutti”.