Mafia Mattinata, “incandidabili” gli ex amministratori del Comune sciolto per infiltrazioni criminali

Tegola per l’ex sindaco Prencipe e i componenti della vecchia giunta, Perna, Arena e Totaro. I quattro si erano costituiti in giudizio chiedendo il rigetto della domanda di incandidabilità. Dovranno dire addio alla politica

Il Tribunale di Foggia ha dichiarato Michele Prencipe, Angelo Perna, Pasquale Arena e Angelo Totaro non candidabili alle elezioni regionali, provinciali, comunali e circoscrizionali che si svolgano nella regione Puglia, limitatamente al primo turno elettorale successivo allo scioglimento del consiglio comunale del Comune di Mattinata.

Questa la decisione dei giudici che hanno ritenuto “incandidabili” gli ex amministratori del Comune di Mattinata sciolto per mafia nel marzo 2018. Inoltre, i quattro sono stati condannati al pagamento, in favore del Ministero dell’Interno e della Prefettura – Ufficio Territoriale del Governo di Foggia, delle spese del giudizio “liquidate – si legge in sentenza – in 1350 euro per compensi oltre rimborso spese forfettarie, cpa ed Iva come per legge”.

L’ex sindaco Prencipe e gli altri ex componenti della giunta si erano costituiti in giudizio chiedendo il rigetto della domanda di declaratoria di incandidabilità proposta nei loro confronti.

Seguici su Facebook: http://www.facebook.com/immediatonet