Mozione Giachetti-Ascani. “Il consenso in Capitanata non andrà disperso”, Frattarolo eletto all’assemblea PD

“Abbiamo ottenuto voti di opinione che premiano le nostre idee al di là di qualunque posizione di apparato o di potere”

“In provincia di Foggia la mozione Giachetti-Ascani ha ottenuto, pur nell’ambito di un risultato molto favorevole a Nicola Zingaretti, un lusinghiero successo, che ha portato all’elezione all’assemblea nazionale di Lorenzo Frattarolo”. Questo il commento degli esponenti foggiani della mozione. “Il consenso a Roberto Giachetti e Anna Ascani – continuano – è stato tale da far registrare risultati inaspettati, come l’exploit a San Severo dove la mozione si è spinta oltre il 30%, gli oltre trecento voti di Foggia città, le ottime performance di Sannicandro e Apricena per arrivare alle vittorie di Orsara e Rignano Garganico.

Voti di opinione che premiano le nostre idee al di là di qualunque posizione di apparato o di potere. Rappresentano un prezioso incoraggiamento per tutti i rappresentanti della mozione in sede locale (Maria Donata Maghernino, Costanzo D’Amaro, Katia Colella, Chirico Staffieri, Anna Renzulli e Matteo Viggiani), a proseguire nella difesa dei punti caratterizzanti del nostro impegno per il Partito Democratico e per il centrosinistra.

Non siamo e non saremo l’opposizione del segretario eletto. Non vogliamo essere zavorra o ostacolo, ma unire il nostro sforzo a quelli di quanti vogliono che il Partito Democratico torni a essere il primo partito italiano e il centrosinistra coalizione di governo”.
E ancora: “Vediamo sgonfiarsi l’equivoco 5stelle, anche grazie al nostro rifiuto di seguire le suggestioni di un’alleanza innaturale e impraticabile. Dobbiamo proseguire nell’opera di recupero dei consensi e della intransigente contrapposizione al Governo della cialtroneria e alla destra xenofoba. Noi siamo orgogliosi della nostra identità e utilizzeremo in ogni sede le nostre idee, le nostre proposte, i nostri valori al servizio della grande comunità del Pd, nel solco di una tradizione di democrazia e pluralismo che non deve mai diventare frazionismo settario o egoismo di fazione. Per questo continueremo a partecipare con passione ed entusiasmo a partire dalla fondamentale sfida delle elezioni europee”.