Udc, Angelo Cera si posiziona in vista delle Amministrative. “No a candidati calati dall’alto”

L’ex parlamentare: “No a tavoli convocati solo per ratificare scelte prese alla chetichella, magari in accordi tra pochi e in spregio di ogni condivisione delle sezioni locali dei partiti”

Assai ridimensionato dal voto delle provinciali nonostante la tenuta di un eletto, Giuseppe Mangiacotti, l’Udc è pronto a dar battaglia per le amministrative nelle città della Capitanata, dove non ha uomini forti come Leo Iaccarino, candidato a Foggia alle Primarie del centrodestra.

È netto in una nota Angelo Cera: “Non è possibile avallare scelte calate dall’alto da presunti uomini nuovi che vogliono mostrare i muscoli, mortificando gli alleati. Non saremo stampella dell’ingordigia di personaggi che pensano di comportarsi come padroni, senza ascoltare i territori e le giuste rivendicazioni di partiti e segreterie sezionali. Sia chiaro, non ci sono tavoli che possano calare dall’alto scelte di candidati a sindaco, mortificando la collegialità di decisioni che devono essere valutate da tutte le segreterie sezionali. L’UdC non è disponibile a giocare conto terzi, a sottoscrivere candidature già decise, senza le opportune condivisioni, vale per Foggia, come per Lucera, Torremaggiore, San Severo e per tutti i Comuni che sono chiamati al voto. Siamo per la partecipazione, per una vera coalizione che rilanci il governo delle città, anche in prospettiva delle prossime sfide elettorali. Per questo l’UdC non prenderà parte a tavoli convocati solo per ratificare scelte prese alla chetichella, magari in accordi tra pochi e in spregio di ogni condivisione delle sezioni locali dei partiti”, fa sapere con vigore l’ex parlamentare centrista.