Sotto sequestro il noto “Bagni Bonobo”, lido simbolo della movida

L’operazione in seguito al provvedimento della Prefettura di Foggia di informazione interdittiva antimafia a carico di Francesco Romito

A seguito di indagini condotte con il coordinamento dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Foggia, gli uomini della Capitaneria di porto di Manfredonia, coadiuvati dal personale della Guardia Costiera del Nucleo Operativo di Polizia Ambientale (NOPA) della Direzione Marittima di Bari, hanno posto sotto sequestro preventivo il lido “Bagni Bonobo” della società “BIESSEMME S.r.l.”, sito in località Siponto nel Comune di Manfredonia e riconducibile al clan Romito.

La concessione demaniale rilasciata per il mantenimento dello stabilimento balneare era stata revocata il 13 novembre 2018 dal Comune di Manfredonia, in seguito al provvedimento della Prefettura di Foggia di informazione interdittiva antimafia a carico di Francesco Romito (figlio di Michele e nipote di Mario Luciano Romito, quest’ultimo ucciso a San Marco in Lamis), amministratore unico della ditta “BIESSEMME S.r.l.”.

Con la revoca della concessione la società avrebbe dovuto sgomberare l’area occupata, asportando i manufatti realizzati, e riportandola allo stato originale. Le indagini effettuate hanno invece accertato l’inottemperanza all’ingiunzione, e gli uomini della Guardia Costiera hanno quindi apposto i sigilli a tutta la struttura per violazione dell’art. 1161 del Codice della Navigazione (occupazione abusiva del demanio marittimo) e degli artt. 633 e 650 del Codice Penale (invasione di terreni pubblici ed inosservanza di provvedimenti delle Autorità). 

Per tale condotta il legale rappresentante della società concessionaria del lido è stato deferito alla competente Autorità Giudiziaria. Gli uomini della Guardia Costiera proseguiranno nell’attività di vigilanza su tutto il litorale  del Compartimento Marittimo, al fine di garantire il rispetto delle norme a tutela del demanio marittimo e dell’ambiente marino-costiero, assicurando il ripristino della legalità.

Questa notizia puoi leggerla direttamente sul tuo Messenger di Facebook. Ecco come