Aggressione brutale in pieno centro e minacce con coltello, arrestato nigeriano a San Giovanni Rotondo

Colpito un connazionale, dal quale pretendeva denaro. Per l’aggressore sono state avviate le pratiche per il rimpatrio

Alle 13 circa di ieri, transitando nel corso del servizio di controllo del territorio nella centralissima piazza Europa, una pattuglia della Stazione carabinieri di San Giovanni Rotondo è intervenuta bloccando un corpulento extracomunitario che, indifferente alla presenza di tanti passanti, stava aggredendo un altro uomo di colore. A seguito dell’immediata perquisizione sul posto dell’aggressore, poi identificato in Edwin Osaguona, cittadino nigeriano regolarmente residente a Lucera, classe ’85, già con numerosi precedenti penali e di polizia per svariati reati sia contro la persona che il patrimonio, gli è stato trovato addosso un coltello, con il quale aveva poco prima minacciato la vittima, un suo connazionale del ’79, bracciante agricolo anch’egli regolare sul territorio nazionale.

Quest’ultimo, infatti, una volta in caserma, ha dichiarato di essersi casualmente incontrato con l’aggressore, il quale lo aveva aggredito minacciandolo con il coltello, come altre volte era già accaduto in passato, pretendendo ancora una volta che gli consegnasse il denaro che aveva con sé, accampando un non precisato credito. Al termine degli accertamenti del caso, i carabinieri della città di San Pio hanno quindi proceduto all’arresto in flagranza di Osaguona per estorsione aggravata e continuata, oltre che per il porto del coltello, traducendolo infine presso il carcere di Foggia, a disposizione della Procura della Repubblica. Nei suoi confronti, inoltre, per la gravità dei reati commessi e per la palese refrattarietà al rispetto della Legge, sono state avviate le pratiche per il rimpatrio.