Troia, l’impegno di Italia Nostra per la tutela del Territorio e dei Beni Culturali dei Monti Dauni Meridionali

Si conclude l’anno associativo 2018 mentre ci si prepara a vivere intensamente il 2019, in occasione del Millennio dalla fondazione da parte del Catapano bizantino Basilio Boioannes

Italia Nostra sezione di Troia, dal 2017 continua con impegno ed energie a tutelare il Territorio e i Beni Culturali dei Monti Dauni Meridionali. Da quel momento i soci hanno operato in continuità con gli ideali e con i valori dell’Associazione Italia Nostra fondata nel 1955. Il 2018 è stato un anno particolarmente intenso per la Sezione e per i soci, in totale sono state realizzate ben venti iniziative di diversa natura. In particolare è importante sottolineare la partecipazione alle campagne nazionali dell’Associazione Italia Nostra: la “Seconda Giornata Nazionale dei Beni Comuni” che ha trattato dei Centri Storici dei Monti Dauni Meridionali; la Campagna nazionale dei “Paesaggi sensibili” che ha voluto sottolineare l’importanza della programmazione del Territorio e l’importanza che ricopre il ruolo del coinvolgimento dei cittadini nelle scelte amministrative del Territorio, la sezione di Troia in particolare si è concentrata sul tema dell’eolico selvaggio con la presentazione del volume “La terra dei giganti” di Francesco Gasbarro. La sezione di Troia ha inoltre partecipato alla campagna nazionale “La Lista Rossa dei Beni Culturali in pericolo” segnalando due Beni Culturali della Città di Troia che necessitano di particolare attenzione: la Croce Viaria e la Chiesa di San Bernardino da Siena. Per la segnalazione della Chiesa di San Bernardino da Siena il Presidente della Sezione, Luigi Rauseo, è stato intervistato dal giornalista Giancarlo Rossi per la trasmissione radiofonica “Inviato Speciale”, approfondimento settimanale del GR Radio 1 RAI.

Tra le altre iniziative realizzate la costituzione del Presidio di Orsara di Puglia è stato un passo fondamentale per permettere all’Associazione di diffondere gli ideali ed i valori della Tutela e della saggia Valorizzazione del Patrimonio Storico, Artistico e Naturale dei Monti Dauni Meridionali. Il presidio ha realizzato due importanti momenti culturali nel periodo estivo: una conferenza curata da Francesco Sciarrillo, socio della Sezione ed appassionato studioso di Storia Locale, che ha trattato della Battaglia del 1462 tenutasi tra Angioini ed Aragonesi nei territori di Orsara di Puglia, Troia ed Accadia ed una conferenza curata da Francesco Chiappinelli dal titolo “L’altra Iliade, l’altra Odissea”.

La sezione è stata inoltre protagonista di importanti momenti culturali per la Città di Troia e per tutto il Territorio della Capitanata. In particolare è stato presentato il volume di Tommaso Maddalena “Scritti Storici”, importante volume per leggere con lenti diverse alcuni momenti importanti della Storia della Città di Troia. La Sezione di Troia, in collaborazione con la Sezione di Foggia, ha organizzato e curato il convegno di studi “Il Paesaggio Agrario di Capitanata: Identità e Prospettive” con l’obiettivo di catalizzare l’attenzione sull’importanza della Tutela del Paesaggio Agrario. Il convegno ha visto il coinvolgimento di numerose Istituzioni, tra cui l’Università di Foggia, la Regione Puglia, la Provincia di Foggia ed il Comune di Foggia. Del convegno si sta curando anche una pubblicazione degli atti. Numerosi sono stati i Sopralluoghi sul territorio al fine di monitorare lo stato dei Beni Culturali e proporre idee ed iniziative. Con il Comune di Orsara di Puglia ed altri enti si è instaurato un dialogo costruttivo e propositivo per beni culturali come Torre Guevara e Borgo Giardinetto. Infine è importante sottolineare l’attenzione della Sezione verso le nuove generazioni: numerosi sono stati i progetti realizzati con le scuole e con i giovani: un progetto di storia locale con l’istituto comprensivo “Virgilio-Salandra” ed un progetto di Alternanza Scuola Lavoro con l’Istituto “Bonghi-Rosmini” di Lucera.

Il 2019 sarà un anno molto importante per la Città di Troia: ricorre infatti il Millennio dalla fondazione da parte del Catapano bizantino Basilio Boioannes.