GdO, un nuovo Eurospin a Foggia. In un mercato che arranca per la competizione di prezzo

Il discount italiano sta per realizzare il quinto punto vendita foggiano, che si collocherebbe in Via Telesforo tra il Lidl e il Penny Market. L’autorizzazione e il via libera furono votate ai tempi dell’amministrazione Mongelli

50 cent, 1 euro e 1,50 euro nell’ultimo volantino. Le offerte dell’Eurospin, che ha già 4 punti vendita nel capoluogo dauno, sono la grande arma dell’attore della GdO italiana. Il prezzo killer è molto competitivo, praticamente imbattibile in tutto il mercato italiano.

Il suo diretto competitor, Lidl, infatti ha una diversa strategia, da campione della comunicazione, il colosso tedesco punta anche a pochi grandi marchi deprezzati in scaffale, con confezioni famiglia e ad una forte valorizzazione dei propri private label come ItaliAmo o altri, che impacchettano prodotti del territorio a prezzi stracciati (dalla Bella di Cerignola prodotte negli stabilimenti Iposea alla pasta di Gragnano, passando per tutta l’ortofrutta di Capitanata).  Eurospin invece è rigido nel rispettare la regola del “No Big Brands” ed è vero campione del risparmio, anche a costo di penalizzare il lavoro dei produttori italiani, come nel caso del pomodoro e della doppia asta, finita nell’inchiesta di Internazionale.

La Cospes srl su Via Telesforo, accanto al Penny Market, sta costruendo, col direttore dei lavori l’ingegner Massimo Carrozzino e il coordinatore per la progettazione architetto Antonio Mancini, un fabbricato ad uso commerciale. Al pianterreno sarà inaugurato il punto vendita di una catena di beauty e prodotti per la casa, mentre la ditta potrebbe presto realizzare nei terreni accanto su suoli che un tempo erano provinciali e dove insisteva un capannone della Provincia, per anni deserto e abbandonato, un nuovo Eurospin, che si collocherebbe quindi tra Lidl e Penny Market. L’autorizzazione e il via libera furono votate ai tempi dell’amministrazione Mongelli.  

“So che là sanno progettando un altro Eurospin, ormai da noi vanno di moda questi grossi discount, la città ne è piena”, commenta il neo consigliere leghista Paolo La Torre, alimentarista e storico imprenditore del King Market in Via Vittime Civili a Foggia.

La struttura dove presto aprirà un punto vendita di detersivi

“Con la Coop in gravi difficoltà, secondo me non esiste proprio che si aprano nuovi supermercati. In una situazione ricca di queste strutture con le difficoltà che ci sono aprirne un altro mi sembra un’assurdità. So che la Coop al GrandApulia potrebbe chiudere e cambiare insegna. Perché aprono i vari Eurospin e Lidl? Io non me le spiego queste aperture. Sono bravi, sono magici”.

Da ex detentore dell’insegna Conad a Foggia La Torre è schietto: “Una volta c’era la logica di fare più mercato possibile, ma con tutte queste aperture non so quali possano essere gli utili. C’è di certo una speculazione immobiliare, ma è difficile che il punto vendita rientri nei costi. Ero Conad e Conad era un’organizzazione seria, proprio per questo ha grosse difficoltà, come dimostra il caso di Manfredonia e San Severo. Dok, Decò, Despar, Sigma, Convì, tutte le insegne serie soffrono, sopravvivono quelle che hanno costi differenti, molto più bassi e trattano merce diversa. Non di qualità. Non si può non arrancare se si viaggia normali con quello che il mercato offre e con i prodotti di marca”, il suo commento.





Change privacy settings