Mattinata, il prefetto Di Bari dopo le vignette: “Tutte fantasie, ho già presentato denuncia-querela”

L’intervento dopo sfottò e ilarità che si erano scatenati sui social a seguito dello scioglimento del consiglio comunale per infiltrazioni criminali. “Su di me sensazionali paradossi”

Dopo le vignette che lo ritraggono al centro di alcuni sfottò e pesanti allusioni, il prefetto di Reggio Calabria, Michele Di Bari, già viceprefetto a Foggia e sindaco di Mattinata negli anni ’90, è intervenuto sulla questione scrivendo una lettera alla nostra testata che riportiamo integralmente.

Gentile Direttore Responsabile,

faccio riferimento all’articolo pubblicato sul Vostro sito “Mattinata, ironie e allusioni sul web. Vignette prendono di mira giunta Prencipe e prefetto Di Bari”.
In proposito, non posso che affermare che non avverto assolutamente la sensazione di essere preso di mira poiché soltanto una pervicace fantasia può pervenire a tali sensazionali paradossi.
Sono lontano e resto lontano, sono totalmente estraneo ai fatti e desta meraviglia che essere fiero cittadino di Mattinata possa provocare ilarità e attenzione.
È ovvio che anche le vignette sono state oggetto di specifica denuncia-querela.
Chiedo cortesemente che la presente nota sia pubblicata ai sensi delle disposizioni di legge.
Ringrazio e saluto cordialmente.



In questo articolo: