È morto il costruttore Michele Perrone, un pezzo di storia dell’edilizia foggiana

È morto, dopo una lunga malattia e la drammatica e dolorosissima perdita della cara moglie Rosaria Durante, l’imprenditore edile Michele Perrone, nato a Sant’Agata di Puglia il 23 settembre 1933, da genitori piccoli commercianti. È morto nel giorno delle elezioni politiche, oggi 4 marzo, lui che era un grande appassionato di politica, da sempre legato all’area socialista, sin dagli anni Sessanta e Settanta. I funerali saranno celebrati domani pomeriggio alle 16 ad Incoronata. A lui si deve la costruzione di ampie zone della città di Foggia, con spirito temerario, a cominciare da quella che viene definita la “piccola Macchia Gialla”, tra Viale Francia e Viale Europa.

Molto impegnato nel sociale, Perrone ha fatto parte della Giunta e del Direttivo della Federazione dell’industria della Puglia (Confindustria Bari) con diritto di voto designato dalla stessa Giunta quale imprenditore tra i più rappresentativi della Puglia; componente per oltre vent’anni della Giunta dell’Associazione degli industriali di Capitanata, è stato vice presidente degli industriali dal 1992 al 1999 e ancora vice presidente vicario dal 2002 al 2006. È stato vice presidente per il quinquennio 1998-2003 della Camera di Commercio di Foggia; componente per diversi anni, fin dalla nascita, del Consorzio dell’Università di Foggia; componente dell’organo di indirizzo della Fondazione Banca del Monte di Foggia “Siniscalco Ceci”, del Consiglio di Amministrazione della stessa. Attualmente ricopriva il ruolo di componente del Consiglio Direttivo della sezione Edile della Capitanata in prosieguo fin dal 1970. È stato componente del Consiglio della Camera di Commercio di Foggia, vice presidente, e componente del Consiglio di Amministrazione della LACHIMER, azienda della Camera di Commercio di Foggia; componente di Commissione Conciliari e del Consiglio di Amministrazione dell’Azienda speciale CESAN della stessa Camera (Formazione – Sviluppo Programmazione).

Con lui negli anni Novanta si sono imposti moltissimi giovani imprenditori nella vita pubblica, tra gli altri l’ex sindaco Gianni Mongelli a lungo un suo pupillo e l’ex presidente della Fiera Piero Gentile, insieme al presidente dell’Acapt Nicola Biscotti, ex numero uno in Via Valentini Vista Franco.

Uno dei suoi ultimi sogni, poi infranti per via della crisi economica, era la realizzazione del Prousst San Michele, approvato proprio negli anni dell’amministrazione Mongelli, noto a tutti come “Foggia2”, un quartiere residenziale localizzato su Via Bari, ideato e progettato dall’ingegner Nino Mazzamurro.



In questo articolo: