Lotta alla mafia, il Csm a Foggia per mostrare vicinanza al territorio. Previste audizioni

A un mese esatto dalla strage di San Marco in Lamis, giungono nel Foggiano le prime risposte dello Stato. Oltre all’accelerata sulla nomina del procuratore che sarà Ludovico Vaccaro, una delegazione del Csm si appresta a fare visita al capoluogo dauno.

Ludovico Vaccaro

“Il Consiglio superiore della magistratura – ha detto il vicepresidente del Csm, Giovanni Legnini – intende definire il procedimento di nomina del nuovo Procuratore della Repubblica di Foggia al plenum del 13 settembre, dopo che nella giornata di giovedì la quinta commissione ha espresso un voto unanime sulla proposta in favore del dottor Ludovico Vaccaro”. Legnini ha precisato che la nomina precederà una serie di appuntamenti del Csm in Puglia, dopo i recenti fatti legati alla criminalità e in particolare l’agguato di mafia dello scorso 9 agosto a San Marco in Lamis.

Legnini, con una delegazione della sesta commissione del Csm composta dal presidente Ercole Aprile, dai consiglieri Antonio Ardituro e Paola Balducci e dai componenti del Csm Valerio Francassi e Antonio Leone – si recherà in visita agli uffici giudiziari di Bari e Foggia il 14 e 15 settembre dove sono in programma una serie di audizioni e incontri con i magistrati dei due distretti.

Il tutto al fine di verificare le esigenze degli uffici giudiziari impegnati nel contrasto alla mafia foggiana e barese e, nel contempo, per dare un forte segnale di presenza delle istituzioni nei territori afflitti da gravissimi fenomeni criminali. La sesta commissione ha deciso di procedere ad una serie di audizioni, rinunciando ad effettuarle in Consiglio a Roma, per dare un segnale forte della vicinanza del Consiglio a magistrati e forze dell’ordine.

Si tratterà di acquisire gli elementi conoscitivi necessari ad assumere i provvedimenti più idonei a sostenere gli uffici giudiziari nelle attività di contrasto e repressione, assicurando risorse e copertura degli organici, ed accompagnando le misure organizzative che i dirigenti degli uffici vorranno adottare.

A Foggia appuntamento il 15. In programma le audizioni del neo presidente del tribunale, Corrado Di Corrado, del procuratore facente funzioni Francesca Pirrelli, del procuratore di Bari, Giuseppe Volpe che dirige anche la DDA e del presidente del consiglio dell’Ordine degli avvocati di Foggia, Stefano Foglia. Saranno inoltre ascoltati prefetto, questore, i comandanti provinciali di carabinieri e Guardia di Finanza e il capo del centro della Direzione investigativa antimafia.

Antonio Leone (in foto), manfredoniano, ex vicepresidente della Camera, è uno dei componenti del Csm atteso a Foggia il 15 settembre. Leone ha espresso “soddisfazione per la grande sensibilità dimostrata dal Csm rispetto alle vicende che hanno colpito il territorio della provincia di Foggia. La visita nel capoluogo della delegazione e la nomina a tempo record del procuratore – ha aggiunto – rappresentano la migliore risposta che lo Stato poteva dare a quanto avvenuto”.