25 anni dalla morte di Falcone e Borsellino, studenti uniti nel nome della legalità

Non è mancata la partecipazione, stamattina in Piazza Giordano a Foggia, alla manifestazione “Palermo Chiama Italia”, che ha animato le piazze – rinominate per l’occasione “Piazze della Legalità” – di nove città italiane, tra cui Bari e, appunto, Foggia.

Un’iniziativa del Ministero dell’Istruzione e della Fondazione Falcone, che si ripete annualmente per commemorare le stragi di Capaci (proprio oggi il 25esimo anniversario, ndr) e via D’Amelio in cui hanno perso la vita, nel 1992, i giudici Giovanni Falcone, Francesca Morvillo, Paolo Borsellino e gli uomini e le donne delle loro scorte.

Il Comune di Foggia ha aderito da subito alla sollecitazione del Ministero ed ha collaborato attivamente all’organizzazione delle esibizioni dei ragazzi di scuole di ogni ordine e grado della Capitanata, coordinate dall’Ufficio Scolastico Provinciale.

A portare i saluti istituzionali sono stati per la Prefettura (assente il prefetto Maria Tirone per un impegno istituzionale urgente) il capo di Gabinetto Daniela Aponte, Francesca Romana Di Febo del MIUR Regione Puglia, Maria Aida Episcopo dirigente Ufficio Scolastico Provinciale, Claudia Lioia assessore all’Istruzione del Comune di Foggia (delegata dal sindaco Franco Landella, impegnato fuori città per attività istituzionali), Antonio Caricato dirigente Divisione Anticrimine della questura di Foggia e Gianpaolo De Leo sindaco Junior della città di Foggia.

Gli studenti sono intervenuti attraverso poesie, video, brani teatrali e cori, portati sul palco dai ragazzi dell’IPSSAR “Mattei” Vieste, del Centro Provinciale per l’Istruzione degli Adulti, del Liceo “Poerio” di Foggia, dell’ITAS “Pavoncelli” di Cerignola, della Scuola Media “Bovio” di Foggia, del Centro Universitario Teatrale Foggia, degli Istituti Comprensivi “Dante Alighieri”, “Gabelli-Foscolo” di Foggia e “Di Vittorio-Padre Pio” di Cerignola.

Testimonianze dell’impegno quotidiano contro la criminalità organizzata sono state portate da Dimitri Lioi e Giovanna Belluna Panunzio, presidente e vicepresidente dell’associazione “Giovanni Panunzio”; Sasy Spinelli, presidente del presidio foggiano dell’associazione “Libera”; Pippo Cavaliere, presidente della Fondazione Antiracket e Antiusura “Buon Samaritano” di Foggia.

In chiusura “Inno alla Gioia” di Beethoven,  interpretato dalla “Poerio Young Band” del Liceo “Poerio” di Foggia. “Uno spettacolo straordinario – il commento da Palazzo di Città – che ha tenuto il paragone di quello di altre importanti piazze delle principali città italiane che hanno ospitato l’evento odierno ed hanno portato gli studenti della provincia di Foggia e il capoluogo alla ribalta nazionale.