Foggia, furto aggravato di 50 metri di cavi in rame. Arrestate due persone

Nell’ambito di una vasta e pianificata attività di prevenzione e repressione di furti di cavi in rame ai danni di Rete Ferroviaria Italiana e Trenitalia, coordinata dal Compartimento Polizia Ferroviaria per la Puglia, la Basilicata e il Molise, ieri gli agenti della polfer di Foggia, durante un servizio mirato di controllo al nuovo impianto della linea “alta capacità”, Foggia-Benevento, dove si erano verificati alcuni furti di cavi di rame, in località Borgo Cervaro, hanno individuato e arrestato due persone. Si tratta di P.A. e D.L.G, rispettivamente di 33 e 23 anni, entrambi pregiudicati. I due, dopo aver tagliato e occultato in un furgone bianco alcuni metri di cavi che alimentano la linea ferroviaria, hanno tentato di allontanarsi ma sono stati prontamente bloccati. All’interno del mezzo, un Fiat Scudo, sono stati rinvenuti 50 metri di cavi in uso all’azienda appaltatrice dei lavori di rifacimento, successivamente riconsegnati agli aventi diritto.

“Importante sottolineare – fanno sapere dalla questura – che anche se il quantitativo di rame asportato potrebbe sembrare esiguo, ciò comunque arreca pregiudizio per la regolare circolazione dei treni comportando ritardi che si ripercuotono molto negativamente sugli utenti”. La polizia ferroviaria foggiana ha provveduto a sequestrare il Fiat Scudo così come il materiale atto al taglio. Domiciliari per i due pregiudicati.



In questo articolo: