Smantellata “fabbrica” della droga sul Gargano, pronte 430mila dosi. Sette arresti

I Carabinieri della Compagnia di San Severo, coadiuvati da quelli della Compagnia di Intervento Operativo dell’11° Battaglione Carabinieri Puglia di Bari dislocati nella città dauna, hanno concluso un’importante operazione di contrasto alla produzione e al conseguente traffico di stupefacenti, localizzando un casolare adibito a vero e proprio laboratorio per la lavorazione della marijuana.
I militari hanno effettuato la scoperta in una zona impervia del comune di San Nicandro Garganico dove, in un casolare ormai in disuso da anni, era stato allestito tutto il necessario per l’essicazione ed il confezionamento della droga.
Le indagini, condotte per diversi giorni con incessanti servizi di pedinamento e osservazione, consentivano ai Carabinieri di individuare un gruppo di cittadini stranieri dimoranti nel territorio di Lesina che ogni giorno si riunivano in orario mattutino attendendo l’arrivo di un furgone bianco, sul quale salivano per recarsi in San Nicandro, per fare poi ritorno solo in tarda serata. Tale circostanza insospettiva i militari, che decidevano di effettuare diversi appostamenti per capire l’esatta destinazione del furgone. Venivano quindi organizzati ripetuti pedinamenti che permettevano di localizzare la masseria dove gli stranieri si recavano. Gli elementi raccolti lasciavano chiaramente intendere che all’interno dello stabile potesse essere in atto una qualche attività illecita e pertanto, nella mattina del 25 scorso, veniva organizzato un articolato servizio di acquisizione dell’obiettivo. I militari infatti, giunti sull’area attraverso strade secondarie e tratturi, dapprima circondavano completamente l’intera area e successivamente irrompevano all’interno della masseria, dove sorprendevano i 7 cittadini stranieri, di cui 6 di nazionalità Bulgara ed 1 di nazionalità Albanese, intenti a preparare e confezionare la marijuana. Nel corso della perquisizione venivano rinvenuti circa 600 arbusti di Cannabis Sativa, 20 kg circa di marijuana già essiccata e pronta per il confezionamento, nonché un fucile da caccia risultato provento di furto. I 7 individui tentavano di fuggire ma venivano tutti intercettati e bloccati dai militari posti a cinturazione dello stabile. Dalle analisi di laboratorio effettuate, veniva stabilito che, secondo le tabelle ministeriali, dai circa 600 kg complessivi di droga sequestrata si sarebbero potute ricavare circa 430mila dosi, che avrebbero potuto saturare il mercato di tutta la provincia.
Gli arrestati, tradotti presso il carcere di Foggia, dovranno rispondere di concorso in produzione e detenzione di sostanza stupefacente, aggravata dall’ingente quantitativo, ricettazione e detenzione illecita di arma da fuoco.

[wzslider autoplay=”true” info=”true” lightbox=”true”]