Aggredita e rapinata in pieno giorno a Foggia. Ma la vittima fa arrestare giovane malvivente

Rocco De Rosa

Momenti concitati ieri in piazza Piano della Croce a Foggia, angolo via XXIV aprile. Intorno alle 16.10 la polizia ha inviato due volanti in servizio di controllo del territorio, dove era stata segnalata al 113 una rapina in atto ai danni di una donna.

Immediatamente l’equipaggio di una delle volanti si è portato sul posto per contattare la vittima del reato, successivamente identificata per T.A. del ’53, la quale ha fornito la descrizione del malfattore, subito diramata agli equipaggi sul territorio tramite la sala operativa. Riguardo alla dinamica, la donna ha riferito che nel transitare in via XXV aprile è stata colta di sorpresa da dietro dal giovane che l’ha afferrata al collo e ai capelli, tirandole la testa all’indietro e strappandole la catenina in oro con un crocifisso riuscendo ad impossessarsi soltanto di una parte della collana. Nel frattempo l’altra volante, seguendo le indicazioni fornite via radio, ha sorpreso l’autore del reato in vicolo Cutino. Il giovane, alla vista della polizia, ha tentato la fuga percorrendo via Castiglione poi via Onorato e via Santa Maria de Liguori. Il fuggitivo, nel tentativo di sottrarsi alla cattura, è entrato in un esercizio pubblico ubicato sull’ultima via percorsa ma gli agenti sono riusciti a fermarlo dopo aver ispezionato gli ambienti del locale e il laboratorio, situato nel retro bottega, trovando il malvivente nascosto dietro una porta.

Manette per Rocco De Rosa, classe ’94 (già noto per reati contro il patrimonio), tratto in arresto per il reato di rapina ed accompagnato in questura per l’espletamento dell’attività di Polizia Giudiziaria. Il giovane è stato sottoposto a perquisizione personale. All’interno di una scarpa è stato recuperato un pezzo di catenina in oro giallo riconosciuta dalla vittima come di sua proprietà e restituita in sede di denuncia. La persona arrestata, dopo le formalità di rito, è stata messa a disposizione dell’Autorità Giudiziaria che ne ha disposto l’accompagnamento presso la locale casa circondariale. Per la vittima solo una lieve escoriazione al collo.



In questo articolo: