Foggia, chili di rame in possesso di cittadino albanese. L’uomo era anche irregolare sul territorio

image

Agenti della Squadra Mobile – 2^ Sezione Criminalità Diffusa, Straniera e Prostituzione”, ieri 22 agosto a Foggia, nel corso di specifico servizio mirato al contrasto dei furti e della ricettazione di rame, nei pressi di una nota ditta del posto, dedita al recupero rottami ferrosi e metallici hanno effettuato un controllo ad un cittadino albanese classe ’76, risultato successivamente irregolare sul territorio nazionale.
L’attività ha permesso di rinvenire nella disponibilità del soggetto matasse di rame, di varie lunghezza e di diverso diametro, già sguainate e trasportate in uno zaino a spalla di colore nero ed una borsa per la spesa della Lidl.
Successivo controllo presso l’abitazione dell’uomo ha permesso di rinvenire un sacco in juta di colore bianco al cui interno altre matasse di rame sguainate.

image
Il rame rinvenuto è frutto di saccheggi che avvengono quotidianamente nelle campagne circostanti dai “predoni del rame” che per ottenere il rame pulito lo privano della guaina e successivamente lo conferiscono a ditte compiacenti.
Si è accertato che il rame contenuto nello zaino di colore nero è risultato essere del peso lordo di kg.15,00 circa, quello nella busta della Lidl del peso lordo di kg.16,00 circa, infine quello contenuto nel sacco di tela di juta di colore bianco è risultato del peso di kg.21,00 circa, il tutto per un peso lordo complessivo di kg.52,00.
Alla luce di quanto accertato il cittadino albanese è stato denunciato in stato di libertà per la violazione all’art.648 C.P. alla competente Autorità Giudiziaria, mentre le matasse di rame sottoposte a sequestro penale ed affidate in Giudiziale Custodia ad una ditta autorizzata.
Essendo il denunciato irregolare sul territorio nazionale è stato interessato il locale Ufficio Stranieri per le incombenze di rito in attesa del nulla osta all’espulsione da parte della Autorità Giudiziaria.



In questo articolo:


Change privacy settings