Truffa all’Inps, beccato ex dipendente Confcommercio Foggia. Percepite false indennità

18444416carabinieri-lavoro

Il Nucleo carabinieri Ispettorato del Lavoro di Foggia ha operato un sequestro preventivo per equivalente, in relazione ad una truffa nei confronti dell’Inps, di beni mobili ed immobili, nell’ambito di un’indagine dalla Procura della Repubblica di Foggia. Le indagini di cui al Procedimento Penale, nel quale risultano indagati un ex dipendente della Confcommercio di Foggia, ritenuto la mente della organizzazione, e due falsi lavoratori (non sono stati forniti i nominativi perché solo denunciati, ndr), hanno consentito di accertare le responsabilità in capo a questi soggetti nel reato di truffa aggravata in concorso finalizzata al conseguimento di erogazioni pubbliche.

L’attività investigativa ha consentito di individuare un circuito affaristico – criminale, che è stato stroncato sul nascere, operante a Vieste, che nell’anno 2015 ha provocato un danno all’Erario pari a circa 15.000 euro, derivante da indebite erogazioni previdenziali ed assistenziali in favore dei due “falsi” lavoratori, risultati essere stati occupati da una ignara ditta del territorio, per altro inattiva, che ha consentito loro di percepire l’indennità di disoccupazione. In particolare le indagini hanno appurato che l’attività fraudolenta è stata posta in essere attraverso fittizie assunzioni di lavoratori in capo all’azienda risultata estranea alla vicenda e la formazione di falsi certificati di lavoro (UNIEMENS), che inducevano in errore i competenti uffici Inps, i quali erogavano le indennità.

Questo tipo d’indagine dimostra che il sequestro per equivalente rappresenta un decisivo strumento di aggressione dei patrimoni illecitamente acquisiti. L’attività del Nil di Foggia, coordinata dalla Procura della Repubblica, continua costantemente al fine di reprimere i reati finalizzati alle truffe in  danno degli Istituti Previdenziali, che danneggiano l’economia dello Stato e i diritti dei lavoratori onesti.