Illeciti e sequestri in due ristoranti di Foggia, scarsa igiene e pesce di dubbia provenienza. Blitz dell’Asl

pesca tallone dachille

Il Servizio Veterinario Igiene degli Alimenti dell’Asl di Foggia e la Capitaneria di Porto di Manfredonia, nell’ambito dell’attività di controllo sulla filiera ittica, in un’operazione congiunta, hanno sequestrato circa 100 chilogrammi di pesce di dubbia provenienza. La merce era totalmente priva di documentazione idonea che ne comprovasse l’origine. L’attività, svolta nella serata di ieri 24 marzo, ha interessato due ristoranti etnici del capoluogo dauno.

Sempre nel corso della medesima operazione, si sono evidenziate carenze igieniche all’interno delle cucine e pertanto sono stati contestati illeciti e violazioni amministrative. Tutta la merce rinvenuta è stata posta sotto sequestro e avviata alla distruzione. Le attività di monitoraggio e verifica sulla commercializzazione di prodotti ittici proseguiranno nel corso delle prossime settimane e intensificati con l’approssimarsi della stagione estiva.