Rame, sequestro record nel Foggiano: uno dei più rilevanti in Italia. Tre tonnellate in un’autodemolizione

IMG_2534

IMG_2529Un sequestro record, definito tra i più rilevanti degli ultimi anni in Italia. Stiamo parlando del rame, il nuovo “oro rosso” sempre più amato dalla malavita locale. Polizia e Corpo Forestale di Foggia hanno rinvenuto e sequestrato oltre tre tonnellate di rame rubato alle Ferrovie dello Stato e all’Enel. Nell’ambito dell’operazione “Red Gold”, il 15 marzo scorso gli agenti della Polfer foggiana, coadiuvati da Forestale e polizia provinciale, hanno rinvenuto in un’autodemolizione 3.050 chili di cavi in rame di vario tipo e diametro di cui 110 appartenenti all’Enel mentre 2.940 alla Rete Ferroviaria Italiana. Valore della merce 10.500 euro (3,50 euro al chilo). 

I cavi sequestrati si trovavano in agro di San Severo, occultati sia all’interno di un capannone sia in un cassone scarrabile, alcuni già sguainati, altri integri. Denunciato in stato di libertà per ricettazione C.M., pregiudicato 50enne. In poco più di un mese, viste le altre operazioni in tema di contrasto ai furti di rame, in questa provincia sono state recuperate ben 9 tonnellate provento di furto ai danni di RFI, Enel e Telecom. Gli uomini della polizia hanno ringraziato i cittadini che negli ultimi mesi hanno segnalato alcuni casi alle forze dell’ordine, sollecitandoli nell’attività di collaborazione anche per le operazioni future.