Abusivismo sul Gargano, sequestrato lido a Mattinata. Occupata spiaggia libera di 500 metri

foto d’archivio

Nei giorni scorsi è stata effettuata un’operazione congiunta tra il nucleo di Polizia Giudiziaria della Capitaneria di Porto di Manfredonia ed i Carabinieri della Stazione di Mattinata, volta al contrasto degli abusi sul pubblico demanio marittimo. In particolare è stato operato il sequestro di un “apparente stabilimento balneare” in attività, nell’agro di Mattinata, località “Funni”, sprovvisto delle previste autorizzazioni demaniali marittime, su un tratto di spiaggia libera, sottratta, quindi, alla libera fruizione dei bagnanti.
Il sequestro ha riguardato la citata struttura balneare insistente su un’area demaniale di circa 500 metri quadri e consistente in un ombrellone di superficie di circa 9,51 metri, basi di ombrellone aventi piattaforma in cemento con relativo tubo in PVC amovibili, 56 ombrelloni, 89 lettini sdraio, 34 tavolini portaoggetti, 9 tavolini e 24 sedie in plastica, restituendo al libero uso il tratto di spiaggia abusivamente occupata.
Nel corso della citata operazione gli uomini della Guardia Costiera sipontina ed i Carabinieri hanno provveduto a deferire l’occupatore “sine titulo” alla competente autorità giudiziaria ai sensi degli articoli 54 e 1161 del Codice della Navigazione nonché per violazione dei sigilli essendo alcune strutture già oggetto di sequestro nella corrente stagione estiva.
L’attività di repressione posta in essere dagli uomini del Nucleo di Polizia Giudiziaria della Guardia Costiera sipontina e dai militari dell’Arma dei Carabinieri contro gli illeciti in ambito demaniale proseguirà incessante anche nei prossimi giorni in tutta la provincia di Foggia, allo scopo di garantire il rispetto delle leggi.