Uccelli e tartarughe protette detenuti illegalmente, sequestrato lo “zoo” di Cerignola

A Cerignola, all’alba di oggi, polizia ambientale, carabinieri e forestale hanno individuato un allevamento di uccelli completamente abusivo. Denunciato a piede libero, V.L. di 39 anni, cerignolano. Il reato è quello di detenzione illegale di specie di uccelli rigorosamente protetti e di tartarughe terrestri incluse nell’allegato “A” della convenzione di Washington.

 Gli Agenti forestali hanno proceduto al sequestro di 84 canarini – specie “Serinus Canaria”; 9 passeri – specie “Passer Domesticus”; 2 lucherini – specie “Spinus Spinus”; 68 cardellini – specie “Carduelis Carduelis”; 10 cardinalino del venezuela – specie “Spinus Cucullata”; 17 quaglie – specie “Coturnix Coturnix”; 1 crociera – specie “Loxia Curuirostra”; 3 fanelli – specie “Carduelis Cannabina”; 2 ciuffolotti – specie “ Pirrhula Pirrhula”; 5 quaglie cinesi – specie “Coturnis Chinensis”; 7 verzellini – specie “Serinus Serinus”; 101 gabbie di medie e grandi dimenzioni; 5 tartarughe terrestri – specie “Testudo Hermanni”.

L’attività di polizia rientra all’interno di specifiche azioni condotte dal Comando Provinciale del Corpo Forestale dello Stato di Foggia per contrastare i reati ambientali soprattutto  a danno della fauna protetta. Negli ultimi mesi sono centinaia gli animali salvati dagli uomini del Corpo Forestale dello Stato.

[wzslider autoplay=”true” info=”true” lightbox=”true”]