Emiliano da Clemente e Lusi: “Ci ho messo la faccia e ho scelto gente che ha passione”

“Un partito che ha preso il 40% non può venir fuori nella sua complessità con 10 candidati, il Pd si è moltiplicato nelle tre liste civiche. Faccio campagna per il partito e su quello di Capitanata ci ho messo la faccia, le civiche se la cavano benissimo anche da sole”. Michele Emiliano fa tappa a Foggia dai candidati alle regionali Sergio Clemente e Patrizia Lusi replicando a quanto sentito nelle ultime settimane. Le liste a suo supporto sono pertinenti o no? Il segretario taglia corto: “Anche perché se il Pd va male di chi è la colpa?”.

foto 1 (2)La faccia l’ha messa, anche, scegliendo la capolista donna. “Per questo passo Patrizia ha pagato un prezzo, ha sofferto, ma la politica è anche questo, io l’ho scelta perché non fa politica come fosse un mestiere ma con passione e può dare molto al territorio”. Le considerazioni piccate dell’eurodeputato Elena Gentile contro questa scelta le derubrica a gossip: “Di che avremmo parlato se non fosse stata scelta lei, ci saremmo concentrati solo sulle civiche come fosse l’unico problema del Pd…”.

foto 2 (4)Crucciato per la mancanza di un avversario a destra: “Io non sono come Bersani che ama campagne elettorali tranquille, io sono uno che prende l’avversario per la giacchetta”. E auspica che “i cinque stelle arrivino al secondo posto in modo che il centrodestra possa dedicarsi alla discussione. Io non temo le novità, non temo di aprire il gioco, bisogna dialogare con la società civile mentre qualcuno crede ancora che il partito si possa manovrare come cosa propria”.

“Ragiona già da candidato governatore – dice Lusi – commossa ricordando i giorni convulsi della designazione – dalla sanità, all’Ilva alla scuola”. Ma nel frattempo disegna scenari per il Pd “che non può ridursi ad un ruolo marginale né pensare ad eternarsi, c’è bisogno di gente nuova”.

“Non considererò una delusione non essere votata, noi donne abbiamo una vita piena, amici, parenti, famiglie. Nel nostro partito c’è dialettica e siamo l’unica filiera istituzionale possibile. Il centrodestra non ama la Puglia e la sta usando per regolare conti interni” , ha detto Lusi.  Alla presentazione, anche Peppino D’Urso e l’ex sindaco di Foggia Gianni Mongelli.