Eccolo il “terrore” di Pasqua e pasquetta. È foggiano, si chiama Jadid ma non è certo Diabolik

Preso e arrestato l’autore delle “spaccate” di Pasqua e pasquetta. Si tratta di Jadid Mourad, 27enne foggiano con padre marocchino. È lui che ha distrutto gli ingressi di numerosi esercizi commerciali della città in quella due giorni di ordinaria follia. Ma chi è Jadid Mourad? Il giovane viveva a San Severo fino allo scorso marzo, prima di essere cacciato di casa dalla moglie con cui risiedeva nel centro dell’Alto Tavoliere. Era poi tornato a Foggia, a casa della madre, prima di essere nuovamente cacciato dopo pochi giorni per i continui litigi con la donna. Si era quindi trasferito a casa di un suo amico in zona Carmine Vecchio. Aveva bisogno di denaro Jadid. Anche perché tossicodipendente. Ma un problema ad una mano gli rende impossibile effettuare furti “normali”. Per questo aveva rubato una Ford Fiesta nera parcheggiata proprio nella zona del Carmine Vecchio, in via Salomone. Una scelta “intelligente” secondo gli inquirenti. La macchina, seppur vecchia, è tutta in lamiera, quindi più adatta a reggere l’urto. Con quell’auto, il 27enne ha sfondato il “Frescogel” in via Urbano, senza riuscire ad entrare, il bar “La Pineta” di viale Ofanto, dove ha trafugato il registratore di cassa, un cambiamonete e un pc portatile e, infine, il panificio “Dolce e Salato” di via Emilio Perrone, per portare via il registratore di cassa.

Fiesta spaccateDopo poche ore, il giovane era tornato alla carica con un’altra Fiesta rubata, stavolta grigia e parcheggiata in via della Repubblica. A pasquetta, Jadid ha sfondato le serrande di cinque negozi: la pizzeria “Brigida”, il panificio “Aprile Giovanni” in via Rosati, l’enoteca “Saponaro” di via Borrelli, il panificio “Cuor di spiga” di via Vittime Civili e la tabaccheria “139” di via Menichella. Le auto rubate sono state immediatamente recuperate dalle forze dell’ordine. All’interno di una di esse, gli investigatori hanno rinvenuto il registratore di cassa della tabaccheria e alcuni documenti personali delle vittime. Il giovane, che con le sue azioni ha provocato ai negozianti un danno complessivo di 30mila euro, a fronte di un furto totale di poche centinaia di euro, è stato arrestato e condotto in carcere. Dalle indagini è emerso che il 27enne aveva tentato altri tre colpi a negozi alimentari della città, già il 17 marzo scorso, utilizzando una Ford Mondeo.

La conferenza stampa in questura a Foggia
La conferenza stampa in questura a Foggia

Durante la conferenza stampa di stamattina, il questore Piernicola Silvis e il comandante provinciale dei carabinieri, Antonio Basilicata, hanno evidenziato il lavoro di sinergia tra forze dell’ordine. Poi hanno aggiunto: “È stata data troppa enfasi a questa vicenda. Si è persino parlato di criminalità organizzata. Speriamo che in futuro non si allarmi la città come successo in questo caso. Ci sono dei tempi tecnici per effettuare un arresto. Non siamo al cinema, eppure in pochi giorni siamo arrivati al colpevole”. E sulla insufficiente presenza di militari in città dichiarano: “Fossimo di più sarebbe meglio. Questo è chiaro. Ma lo scherno e tutti quei commenti che ho letto sul web non mi sono piaciuti e non li dimentico”, ha detto il questore Silvis facendo riferimento a quanti hanno puntato il dito contro gli investigatori per il mancato arresto immediato del malvivente.