Nella suggestiva Peschici torna il rito della Passione. Oltre 100 persone mettono in scena la Via Crucis

Cento figuranti, tra comparse e attori, lunedì 30 marzo, con partenza dalla Porte del Ponte, alle ore 17.30, metteranno in scena, in un’alternanza di letture del Vangelo, preghiere e canti, il cammino di Cristo (interpretato magistralmente dal giovane attore Giovanni D’aprile) verso il supremo sacrificio.
L’appuntamento è a Peschici, già dalle 17, presso la Chiesa di Sant’Antonio da Padova dove si terrà la Santa Messa, presieduta da don Davide. A pochi passi dal centro storico, sotto l’imponente e cinematografica scenografia costruita dall’artista Mimì Mazzone, si snoderanno gli scenari del Processo davanti a Pilato, seguito dalla condanna del Cristo e successiva Via Crucis. Lungo il percorso, fatto di strade e vicoli della cittadina, si susseguiranno l’incontro con Simone di Cirène, la Veronica, le Pie Donne e quello ancor più toccante con la Madonna, oltre alle tre cadute di un Cristo che, sempre più affaticato, sotto il peso della croce, procederà verso il Calvario. Le strazianti quindi liberatorie scene finali, crocifissione e resurrezione, si svolgeranno invece in Piazza Sant’Antonio.
L’evento, per il terzo anno consecutivo, è organizzato dall’associazione Culturale-Teatrale “Ars Nova”, in collaborazione con le due Parrocchie locali: Sant’Elia Profeta e Sant’Antonio da Padova. Patrocino: Comune di Peschici, scenografie: Mimì Mazzone e Nicola Costante, fonici: Luciano Lamonaca e Mimmo Tozzi, luci ed effetti sonori: Pino Bonsanto e Pierpaolo Olivieri, costumi: Arcangela Biscotti, Maria Mattea Roncone e Mattea Di Spaldro, cameraman: Mimì Martella, addetto stampa: Francesco D’Arenzo. Regia affidata a Stefano Biscotti.

“Ma sarà fondamentale – dicono gli organizzatori – la collaborazione di autorità militari, associazione “Angeli Rossi”, attività commerciali, imprenditori turistici, mass media e popolazione tutta”.