C’è un caso Rosa Cicolella, Augelli: “Non può più presiedere la commissione regionale di garanzia”

Rosa Cicolella

Dalla componente della commissione di garanzia regionale Pia Augelli arriva un comunicato che ha come oggetto la direzione cittadina del Pd tenutasi il 12 marzo scorso, riunione in cui è stato deciso di non proporre la candidatura alle regionali di Sergio Clemente. “Leggo con sconcerto quanto avvenuto in quella riunione e apprendo che alla votazione ha partecipato anche Rosa Cicolella, presidente della commissione di garanzia regionale del Pd. Come componente di tale commissione sono costretta a chiedere la immediata decadenza della collega da tale carica. Il comportamento viola lo spirito e la norma del regolamento, art.4 comma 6, secondo cui questo incarico è incompatibile con l’appartenenza a qualunque altro organo del partito democratico”.

Augelli prosegue ricordando anche i 1200 voti di Clemente alle elezioni comunali  foggiane, “il più suffragato”e il fatto che sia subentrato nel 2014 ad Elena Gentile. “La presidente è intervenuta nel dibattito ed ha votato per le decisioni assunte dalla direzione cittadina calpestando così il regolamento e sfregiando la terzietà del suo ruolo”. 

Al momento del voto “un minimo di buon senso e di prudenza avrebbe dovuto consigliarle almeno di allontanarsi anche se ciò non avrebbe potuto sanare lo sfregio alla trasparenza degli atti e dei comportamenti”. Alla fine del comunicato la rappresentante regionale esprime “profonda delusione per il tradimento della fiducia nella terzietà dell’organo di garanzia che colpisce la credibilità degli organismi di partito sia a livello comunale che regionale in un momento politico delicato e cruciale per il futuro del Pd e del candidato presidente, che è anche il segretario regionale del Pd”.