A Foggia la sede operativa dell’Associazione europea delle Vie Francigene. Possibili chance per i giovani

Ad inizio 2015 Regione Puglia, attraverso Puglia Promozione, in collaborazione con AEVF intende aprire una sede operativa di AEVF a Foggia per sostenere l’espansione del progetto verso l’area mediterranea.

Nel 2014 sono stati celebrati i vent’anni del riconoscimento della Francigena quale “Itinerario culturale del Consiglio d’Europa”. La Via Francigena è al centro di riflettori internazionali; lo dimostra il numero di pellegrini che nel 2014 si sono messi in cammino da Canterbury a Roma, proseguendo per l’Italia del sud in direzione Gerusalemme. 

Il Comitato europeo di coordinamento, guidato da AEVF (Associazione europea delle Vie Francigene), intende facilitare azioni coordinate ed efficaci di sviluppo dell’itinerario nei singoli territori, attraverso un approccio comune europeo, lo scambio di buone pratiche, il raggiungimento di soluzioni condivise riguardanti messa in sicurezza del percorso, segnaletica, accoglienza, ospitalità, eventi congiunti, informazione e comunicazione coordinate, che costituiranno il Master Plan Europeo della Via Francigena e che assicureranno la continuità transnazionale necessaria per il mantenimento della menzione di “Itinerario culturale del Consiglio d’Europa”. 

Il 28-30 novembre si sono svolti a Bari gli “Stati Generali delle Vie Francigene nel Sud” finalizzati a richiedere il riconoscimento ufficiale dei percorsi a Sud di Roma di “Itinerario Culturale del Consiglio d’Europa” e a promuovere azioni comuni di valorizzazione delle Regioni del Sud. 

E insieme incoraggiare lo sviluppo di reti di organizzazioni, profit e non profit, che intendono partecipare ai processi di affermazione delle Vie come occasione privilegiata di crescita culturale e turistica. La numerosa presenza di istituzioni locali, associazioni e camminatori testimonia il grande potenziale di questa tratta. Ad inizio 2015 Regione Puglia, attraverso Puglia Promozione, in collaborazione con AEVF intende aprire una sede operativa di AEVF a Foggia per sostenere l’espansione del progetto verso l’area mediterranea.

Il progetto francigeno europeo offre grandi opportunità di visibilità a territori, piccoli borghi e comuni dislocati sul percorso. Parliamo di realtà che, normalmente, sono bel al di fuori dei circuiti turistici internazionali. E’ in aumento il numero di associazioni e di camminatori che operano per valorizzare la Francigena lungo tutto il tracciato: un autentico valore aggiunto per lo sviluppo dell’Itinerario! Sono oltre 30 i gruppi associativi “AMICI di AEVF”, una grande rete di associazioni e di persone che mettono a disposizione tempo, passione, energia per valorizzare la Francigena. 

Rete dei Cammini organizza ogni anno camminate che abbracciano tutta la penisola italiana; così come associazioni di volontari quali Camminando sulla Francigena, Association International Via Francigena, Association Via Francigena France animano community europee di pellegrini; tante altre associazioni operano su scala regionale o locale organizzando iniziative e infondendo i valori del cammino e della Francigena. L’Unione nazionale delle Pro Loco italiane (UNPLI) ha lanciato il bel progetto camminitaliani.it cui AEVF collabora pienamente.

Il 2014 ha evidenziato l’interesse di partner privati e di imprese di turismo sostenibile, formazione, comunicazione, tecnologia, trasporti, accoglienza, ristorazione per implementare il progetto francigeno e mettere a disposizione di camminatori, pellegrini, turisti servizi specifici.

E’ un dato molto significativo, un indice che ci fa capire quanto la vita della Francigena sia entrata nella sua fase matura. Numerose le start up avviate per sviluppare progettualità in ambito letterario, culturale, tecnologico. Molti giovani appassionati si sono avvicinati alla Francigena per offrire servizi che creano concrete opportunità di lavoro e di nuova occupazione.