Ordine dei medici, la Bat conferma Dino Delvecchio. Caracciolo: “Priorità al riordino sanitario”

Rinnovate le cariche del consiglio direttivo per il triennio 2015-2017 dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della Provincia di Barletta-Andria-Trani. Hanno votato quasi 1800 iscritti: rieletto presidente il dottor Dino Delvecchio.

Dino Delvecchio

Rinnovate le cariche del consiglio direttivo per il triennio 2015-2017 dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della Provincia di Barletta-Andria-Trani. Hanno votato quasi 1800 iscritti: rieletto presidente il dottor Dino Delvecchio. Oltre al presidente Delvecchio sono stati eletti: vicepresidente Giuseppe Coratella, segretario Mario Lucio Raffaele Dell’Orco, tesoriere Francesco Contento. Consiglieri: Giuseppe Bartucci, Michele Cagia, Michele Cannone, Pasquale De Chirico, Lucia Favullo, Giuseppe Franco, Salvatore Grieco, Salvatore Longo, Giuseppe Nicola Maino, Domenica Montanaro, Cesare Muscatella. Commissione odontoiatri: Fabio Depascalis, Palmino Canfora, Gaetano Memeo, Nicola Vitobello, Mauro Papagni. Collegio dei revisori: presidente Nicola Lagreca, Raffaele Lacasella, Domenico Meleleo e Angela Zigolillo.
“A tutti gli eletti del consiglio direttivo dell’Ordine dei Medici Chirurghi e Odontoiatri della BAT – scrive il consigliere regionale Filippo Caracciolo – vanno i miei migliori auguri di buon lavoro. Al presidente Dino Delvecchio, in rappresentanza dell’intero Ordine, rinnovo piena disponibilità al confronto sui temi che riguardano le politiche della salute e di carattere sanitario che riguardano il destino della sanità nel territorio della Provincia di Barletta-Andria-Trani”.
“Da consigliere regionale in carica e componente della III Commissione Sanità – evidenzia Filippo Caracciolo – ho avuto in più occasioni modo di apprezzare l’impegno con cui il presidente Delvecchio è intervenuto in maniera propositiva nel dibattito pubblico stimolando da parte delle istituzioni l’attenzione sulla salute dei cittadini e dei servizi da rendere alle comunità”.
“Il futuro, già a partire dal piano di riordino sanitario su cui anticipo la volontà di presentare un’interrogazione all’assessore alla sanità Pentassuglia a difesa della dignità territoriale della BAT, sarà caratterizzato da scelte che determineranno la tenuta dell’offerta sanitaria. Sarà fondamentale, a mio avviso, lavorare con forte spirito collaborativo per la tenuta del diritto alla salute dei cittadini. Da parte mia – conclude Filippo Caracciolo – continuerò come ho fatto sin dal mio insediamento a lavorare col massimo impegno per esercitare lo stimolo necessario rispetto alle decisioni assunte in sede regionale”.