Test per “professioni sanitarie”, 1300 candidati a Foggia. Il rettore Ricci: “Finalmente nessuna polemica”

Si sono svolte quest’oggi, mercoledì 3 settembre, presso “La città del Cinema” di Foggia, le prove di ammissione ai Corsi di Laurea a numero programmato per le “Professioni Sanitarie” (Dipartimenti Area Medica dell’Università di Foggia, anno accademico 2014/15). A sostenere i test sono stati complessivamente 1294 candidati (mentre le domande pervenute sono state 1516), suddivisi in 13 sale della struttura che ormai da tempo ospita queste selezioni.

Si sono svolte quest’oggi, mercoledì 3 settembre, presso “La città del Cinema” di Foggia, le prove di ammissione ai Corsi di Laurea a numero programmato per le “Professioni Sanitarie” (Dipartimenti Area Medica dell’Università di Foggia, anno accademico 2014/15). A sostenere i test sono stati complessivamente 1294 candidati (mentre le domande pervenute sono state 1516), suddivisi in 13 sale della struttura che ormai da tempo ospita queste selezioni.  Alle prove di ammissione hanno partecipato candidati provenienti prevalentemente dalle province pugliesi, tuttavia sono pervenute diverse iscrizioni ai test anche da comuni più lontani come Palermo, Milano, Paderno del Grappa (in provincia di Treviso) e Quartu Sant’Elena (Cagliari) solo per citarne alcuni. Il candidato più giovane è risultato essere una donna, compirà 18 anni nella giornata di domani ed è nata nel 1996. Il candidato ai Corsi di Laurea in “Professioni Sanitarie” più grande, invece, è risultato un nativo del 1961: ovvero un 53enne. Anche quest’anno per le selezioni dei Corsi di Laurea delle “Professioni Sanitarie”, l’Università di Foggia ha adottato, quindi fatto rispettare, tutte le misure di sicurezza necessarie per garantire il regolare e trasparente svolgimento delle prove di accesso: i partecipanti sono stati sottoposti a rigidi controlli per le fasi di identificazione e assegnazione del posto. Per evitare l’introduzione di cellulari e di altre apparecchiature elettroniche in grado di facilitare la comunicazione verso l’esterno, sono stati impiegati metal detector e scanner portatili: le prove si sono quindi svolte sotto la stretta sorveglianza di personale universitario coadiuvato da forze dell’ordine presenti nella struttura. “Il fatto che non si verifichino polemiche di alcun tipo, durante questo genere di prove, è sintomo di grande maturità raggiunta sia da parte nostra sia da parte dei nostri candidati”, ha commentato il Rettore dell’Università di Foggia Maurizio Ricci. “Approfitto dell’occasione per ringraziare tutto il personale dell’Università di Foggia impiegato in queste particolari occasioni, grazie alla loro preparazione e alla loro disponibilità queste selezioni si svolgono nel miglior modo possibile”. I risultati dei test di ammissione e le relative graduatorie saranno pubblicate sul sito internet dell’Ateneo.





Change privacy settings