Seminario internazionale e volontariato SVE. Invasione giovanile a San Giovanni Rotondo con la firma del Cesevoca

Il Ce.Se.Vo.Ca di Foggia ha presentato e vinto, nell’ambito del programma europeo “Erasmus+” – attuato dall’Agenzia Nazionale per Giovani -, un progetto per la realizzazione di un seminario internazionale…

Il Ce.Se.Vo.Ca di Foggia ha presentato e vinto, nell’ambito del programma europeo “Erasmus+” – attuato dall’Agenzia Nazionale per Giovani -, un progetto per la realizzazione di un seminario internazionale, intitolato “YP+CV=E+E” (YouthPass plus Curriculum Vitae as Erasmus Plus Employability), che si terrà a San Giovanni Rotondo tra il 24 ed il 28 novembre 2014 ed al quale  parteciperanno 34 animatori giovanili provenienti da 14 paesi dell’Unione Europea e non (Portogallo, Malta, Francia, Serbia, Albania, Kosovo, Armenia, Romania, Azerbaijan, Polonia, Ucraina, Macedonia, Turchia, Georgia).      
I partecipanti si scambieranno informazioni su buone pratiche di esperienze di volontariato, basate sull’educazione non formale, realizzate da giovani che hanno acquisito competenze che, inserite nei curriculum vitae, hanno permesso loro di trovare lavoro.           
Durante il seminario, il 27 novembre è prevista a San Giovanni Rotondo la realizzazione di un Convegno aperto al pubblico, nel quale gli animatori giovanili internazionali, partecipanti al seminario, avranno modo di incontrare i responsabili politici di Regione, Provincia e Comuni, per proporre loro nuove modalità per la valorizzazione ed il riconoscimento delle competenze acquisite attraverso le attività di volontariato ed inseribili, ad esempio, nel “Libretto Formativo del Cittadino”.
Ma l’impegno del Ce.Se.Vo.Ca nei confronti della promozione del volontariato tra i giovani, anche a carattere internazionale, si è concretizzato in questi giorni anche con l’invio del primo volontario per un progetto di Servizio Volontario Europeo.           
Il Servizio Volontario Europeo offre ai giovani dai 18 ai 30 anni un’esperienza di apprendimento interculturale in un contesto non formale, promuove la loro integrazione sociale e la partecipazione attiva. I giovani possono svolgere un’attività di volontariato in un paese del programma o al di fuori dell’Europa, per un periodo che va da 2 a 12 mesi, lavorando come “volontari europei” in progetti locali in vari settori o aree di intervento.  
Andrea, giovane originario della Basilicata di 29 anni, è il volontario che per 12 mesi parteciperà al progetto “De Wissel”, che si svolgerà in Belgio a Wezemaal, presso l’Associazione Project Molenmoes – Equicanis. L’associazione si occupa di ippoterapia e recupero di ragazzi con difficoltà attraverso attività legate alla tutela dell’ambiente.     
Il Ce.Se.Vo.Ca. è accreditato dall’Agenzia Nazionale per i Giovani come organizzazione di coordinamento ed invio di volontari per Servizio Volontario Europeo.         
Chiunque fosse interessato può trovare tutte le informazioni sul sito del Centro Servizi.